Comunicati Stampa 2011

Iscrizione alla lista di distribuzione esonews
eso1113it — Foto Comunicato Stampa
Fuochi d’artificio da stelle in punto di morte
13 aprile 2011: Questa immagine della nebulosa NGC 3582, ottenuta con il WFI (Wide Field Imager) montato sul telescopio dell’MPG/ESO da 2,2 metri all’Osservatorio di La Silla in Cile, mostra anelli giganteschi di gas che ricordano le protuberanze solari. Si pensa che tali anelli siano stati espulsi da stelle morenti, ma in queste incubatrici stellari sono presenti anche stelle nuove, appena nate. Queste stelle giovani e piene di energia emettono intensa radiazione ultravioletta che fa risplendere il gas della nebulosa, producendo lo spettacolo pirotecnico che qui vediamo.
eso1112it — Comunicato Stampa Organizzazione
Il presidente della Repubblica Ceca visita l'Osservatorio dell'ESO al Paranal
07 aprile 2011: Il 6 aprile 2011 l'osservatorio dell'ESO al Paranal ha avuto l'onore di ospitare il Presidente della Repubblica Ceca, Václav Klaus, accompagnato dalla moglie Livia Klausová. Essi hanno potuto quindi ammirare il Cerro Armazones, il luogo in cui sorgerà il telescopio E-ELT ora in progetto.
eso1111it — Foto Comunicato Stampa
Splendore vermiglio dalle stelle in formazione
30 marzo 2011: La nube rosso vivo in questa immagine ottenuta con il VLT (Very Large Telescope) dell’ESO è dovuta all’emissione dell’idrogeno ionizzato che circonda l’ammasso stellare NGC 371. Questa incubatrice stellare si trova in una galassia molto vicina a noi, la Piccola Nube di Magellano.
eso1110it — Comunicato Stampa Scientifico
Una coppia di nane brune alquanto fredde
23 marzo 2011: Osservazioni con il VLT (Very Large Telescope) dell’ESO e con altri due telescopi hanno scovato un nuovo candidato per la stella più fredda che si conosca: una nana bruna in un sistema binario che ha la stessa temperatura di una tazza di tè – bollente in termini umani, ma straordinariamente fredda per essere la superficie di una stella. Questo oggetto è sufficientemente freddo da scavalcare la linea incerta che divide le piccole stelle fredde dai grandi pianeti caldi.
eso1109it — Foto Comunicato Stampa
Il dramma del parto – stelle neonate distruggono la nursery
16 marzo 2011: Una nuova immagine dal telescopio VLT dell’ESO ci mostra un primo piano degli effetti devastanti causati da stelle appena nate sul gas e sulla polvere da cui esse stesse si sono formate. Anche se le stelle restano invisibili, il materiale da esse espulso si scontra con il gas circostante e con le nubi di polvere e crea un paesaggio surreale di archi, macchie e strisce rilucenti.
eso1108it — Comunicato Stampa Scientifico
Il più lontano ammasso di galassie “adulto”
09 marzo 2011: Gli astronomi hanno usato un esercito di telescopi a terra e nello spazio, tra cui il VLT (Very Large Telescope) dell’ESO all’Osservatorio del Paranal in Cile, per scoprire e misurare la distanza del più lontano ammasso di galassie “adulto” mai scoperto. Anche se vediamo questo ammasso in un momento in cui l’Universo aveva meno di un quarto della sua età attuale, esso è soprendentemente simile agli ammassi di galassie dell’Universo attuale.
eso1107it — Foto Comunicato Stampa
Il disco di polvere di NGC 247
02 marzo 2011: Questa immagine di NGC 247, ottenuta dallo strumento WFI (Wide Field Imager) montato sul telescopio da 2.2 metri dell’MPG/ESO all’Osservatorio di La Silla dell’ESO in Cile, rivela i più minuti dettagli di questa galassia a spirale che si staglia sul suo sontuoso fondale. Gli astronomi sostengono che è proprio la posizione molto inclinata che mostra a chi la osserva dalla Terra a spiegare perchè la distanza di questa galassia così famosa fosse stata fino ad ora sovrastimata.
eso1106it — Comunicato Stampa Scientifico
La formazione dei pianeti proprio sotto i nostri occhi?
24 febbraio 2011: Utilizzando il Very Large Telescope dell’ESO un’equipe di astronomi internazionali è stata in grado di studiare il disco di materia che ruota per breve tempo intorno a un stella giovane, nei primi stadi di formazione di un sistema planetario. Per la prima volta è stato osservato il compagno di una stella: questa potrebbe essere la causa dell’ampio intervallo osservato nel disco. Future osservazioni determineranno se questo compagno è un pianeta o un nana bruna.
eso1105it — Foto Comunicato Stampa
Gloria Riflessa
16 febbraio 2011: La nebulosa Messier 78 campeggia in questa immagine ottenuta con il Wide Field Imager (WFI; strumento per immagini a grande campo) montato sul telescopio da 2.2m dell’MPG/ESO all’osservatorio di La Silla, in Cile. Si erge come un protagonista nel centro del palco mentre le stelle che illuminano la scena si ritraggono sullo sfondo. La luce brillante prodotta dalle stelle rimbalza sulle particelle di polvere che compongono la nebulosa, illuminandola di luce blu riflessa. Igor Chekalin, proprio grazie ad un’immagine di questo impressionante corpo celeste, è risultato vincitore della competizione astro-fotografica dell’ESO “Tesori Nascosti 2010”.
eso1104it — Foto Comunicato Stampa
La perfetta galassia a disco
02 febbraio 2011: La galassia NGC3621, molto luminosa, qui ripresa dal Wide Field Imager (strumento per immagini a grande campo) montato sul telescopio da 2.2m dell’ESO all’osservatorio di La Silla in Cile, sembra l'esempio perfetto di una classica galassia a spirale. In realtà si rivela piuttosto insolita: non ha alcun rigonfiamento centrale e perciò può essere descritta come una galassia “a disco semplice”.
eso1103it — Foto Comunicato Stampa
La nebulosa di Orione: ancora piena di sorprese
19 gennaio 2011: Questa immagine eterea della Nebulosa di Orione è stata catturata dal Wide Field Imager montato sul telescopio da 2.2 metri dell’MPG/ESO che si trova all’osservatorio di La Silla, in Cile. È molto più di una graziosa immagine: essa offre agli astronomi la possibilità di vedere da vicino una zona di massiccia formazione stellare per meglio comprendere la nascita e l’evoluzione delle stelle. I dati usati per comporre questa imagine sono stati selezionati da Igor Chekalin (Russia) che ha partecipato alla competizione astro-fotografica dell’ESO Tesori Nascosti 2010. La composizione creata da Igor usando i dati della Nebulosa di Orione ha vinto il settimo premio, mentre un’altra delle immagini di Igor ha addirittura conquistato il primo premio.
eso1102it — Comunicato Stampa Organizzazione
I Tesori Nascosti dell’ESO riportati alla luce
12 gennaio 2011: Tesori Nascosti 2010, competizione astro-fotografica dell’ESO, ha visto l’invio di quasi un centinaio di fotografie. ESO ha il piacere di annunciare i vincitori. Tesori Nascosti ha dato agli astronomi dilettanti l’opportunita’ di scavare nei vasti archivi di dati astronomici dell'ESO alla ricerca di una pietra preziosa cosmica. Il russo Igor Chekalin, entusiasta appassionato di astronomia, ha vinto il primo premio di questo percorso difficile ma gratificante: il viaggio dei suoi sogni al Very Large Telescope sul Paranal, in Cile.
eso1101it — Foto Comunicato Stampa
VISTA guarda nel profondo della Laguna Blu
05 gennaio 2011: Questa nuova immagine della Nebulosa Laguna a raggi infrarossi proviene da uno studio quinquennale di osservazione della Via Lattea, realizzato con il telescopio VISTA dell'ESO installato presso l'Osservatorio del Paranal in Cile. Si tratta, in realtà, di un frammento di un'immagine molto più grande della regione circostante la nebulosa, che, a sua volta, è solo una piccola parte di un’enorme campagna di osservazione.
Risultati 41 a 53 di 53