eso1025it — Foto Comunicato Stampa

VISTA vede la Galassia Scultore

16 giugno 2010

Una nuova spettacolare immagine della Galassia Scultore (NGC 253) è stata presa con il telescopio VISTA presso l’osservatorio Paranal in Cile dell’ESO, come parte di una delle sue prime e maggiori campagne di osservazione. Operando nell’infrarosso Vista, meno influenbile dalla polvere cosmica, ha rivelato una miriade di stelle più fredde, nonché una striscia di stelle in primo piano che attraversa la regione centrale. L’immagine di Vista fornisce molte nuove informazioni sulla storia e lo sviluppo di questa galassia.

La Galassia Scultore (NGC 253) si trova nella costellazione che porta lo stesso nome ed è una delle galassie più brillanti nel cielo. La Galassia Scultore può essere vista da terra con un buon binocolo ed è stata scoperta in Inghilterra da Caroline Herschel  nel 1783. NGC 253 è una galassia a spirale che si trova a circa 13 milioni di anni luce di distanza. E ' la più brillante di un piccolo insieme di galassie chiamato Gruppo Scultore, uno di quelli più vicini al nostro gruppo locale di galassie. Parte della sua “visibilità”  deriva dal suo status di  galassia “starburst”, cioè una delle tre con stelle in rapida formazione.  NGC 253 è anche molto polverosa  e questo impedisce la visibilità di molte sue parti (eso0902). Vista dalla Terra, la galassia è quasi sul bordo, con i bracci a spirale chiaramente visibile nelle parti esterne, con un nucleo luminoso al centro.

Il telescopio astronomico Vista, ultimo arrivato all'Osservatorio dell'ESO di Paranal nel deserto cileno di Atacama, è il telescopio più grande al mondo per osservazioni nel visibile e nell'infrarosso. Dopo essere stato consegnato a ESO alla fine del 2009 (eso0949), il telescopio è stato usato per due approfonditi studi di piccole sezioni del cielo prima di avviarlo alle indagini molto più  impegnative che ora sono in corso. Una di queste "mini indagini" è stata uno studio dettagliato di NGC 253 e del suo ambiente.

Siccome Vista funziona alle lunghezze d'onda infrarosse può vedere attraverso la polvere che è una delle principali caratteristiche della Galassia Scultore osservata nel visibile.  Un gran numero di stelle più fredde , appena rilevabili con telescopi ottici, sono ora visibili. La capacità di vedere di VISTA svela la maggior parte di ciò che era nascosto dalle nuvole di polvere spessa che caratterizza la parte centrale del disco e consente una chiara visione della linea di stelle in primo piano che attraversa tutto il nucleo centrale della regione – peculiarità non visibile nell'ottico. I maestosi bracci a spirale appaiono ora distribuiti su tutto il disco della galassia.

Le spettacolari capacità osservative di  VISTA, combinate con quelle del Very Large Telescope (VLT) dell'ESO, collocato sul picco della montagna accanto, permette inoltre a  VISTA di ottenere immagini eccezionalmente nitide per un telescopio con base a terra.

Con questo potente strumento a loro disposizione gli astronomi hanno voluto approfondire alcuni dei misteri della Galassia Scultore. Si stanno studiando la miriade di fredde stelle giganti rosse nell'alone che circonda la galassia,  la composizione di alcune piccole galassie nane satelliti di NGC 253 e cercando nuovi oggetti non ancora scoperti come ammassi globulari e galassie nane ultra-compatte che sarebbero altrimenti invisibili senza le immagini  nell'infrarosso di VISTA. Utilizzando unicamente i dati prodotti da VISTA gli astronomi ritengono di poter definire come la  galassia si sia formata e evoluta.

Ulteriori Informazioni

L’ESO (European Southern Observatory) è la principale organizzazione intergovernativa di Astronomia in Europa e l’osservatorio astronomico più produttivo al mondo. È sostenuto da 14 paesi: Austria, Belgio, Repubblica Ceca, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Italia, Olanda, Portogallo, Spagna, Svezia, Svizzera e Gran Bretagna. L’ESO mette in atto un ambizioso programma che si concentra sulla progettazione, costruzione e gestione di potenti strutture astronomiche da terra che consentano agli astronomi di fare importanti scoperte scientifiche. L’ESO ha anche un ruolo preminente nel promuovere e organizzare cooperazione nella ricerca astronomica. L’ ESO gestisce tre siti unici di livello mondiale in Cile: La Silla, Paranal e Chajnantor. A Paranal, l’ESO gestisce il Very Large Telescope, l’osservatorio astronomico nella banda visibile più d’avanguardia al mondo. L’ESO è il partner europeo di un telescopio astronomico rivoluzionario, ALMA, il più grande progetto astronomico esistente. L’ESO sta pianificando al momento un Telescopio Europeo Estremamente Grande ottico/vicino-infrarosso di 42 metri, l’E-ELT, che diventerà “il più grande occhio del mondo rivolto al cielo”.

Links

Contatti

Francesco Rea
INAF – Hq
Rome, Italy
Tel.: +390635533227
Cell.: +393351358069
E-mail: francesco.rea@inaf.it

Richard Hook
ESO, Survey Telescopes PIO
Garching, Germany
Tel.: +49 89 3200 6655
E-mail: rhook@eso.org

Questa è una traduzione del Comunicato Stampa dell'ESO eso1025.
Bookmark and Share

Sul Comunicato Stampa

Comunicato Stampa N":eso1025it
Nome:NGC 253
Tipo:• Local Universe : Galaxy : Activity : Starburst
Facility:Visible and Infrared Survey Telescope for Astronomy

Immagini

VISTA’s infrared view of the Sculptor Galaxy (NGC 253)
VISTA’s infrared view of the Sculptor Galaxy (NGC 253)
soltanto in inglese
Infrared/visible light comparison of views of the Sculptor Galaxy (NGC 253)
Infrared/visible light comparison of views of the Sculptor Galaxy (NGC 253)
soltanto in inglese

Video

Zooming in on the VISTA view of the Sculptor Galaxy (NGC 253)
Zooming in on the VISTA view of the Sculptor Galaxy (NGC 253)
soltanto in inglese
IR/visible crossfade of the Sculptor Galaxy (NGC 253)
IR/visible crossfade of the Sculptor Galaxy (NGC 253)
soltanto in inglese

Vedere anche