eso1305it — Comunicato Stampa Organizzazione

Delegazioni europee d'alto livello in visita a Paranal

28 gennaio 2013

Nei giorni scorsi si sono susseguite diverse delegazioni europee d'alto livello in visita all'Osservatorio del Paranal dell'ESO, nel nord del Cile, dopo il Vertice tra le Comunità di Stati Latinoamericani e dei Caraibi e l'Unione Europea (CELAC-EU). Il vertice, il più grande evento di questo tipo mai organizzato in Cile, si è svolto a Santiago nella settimana del 22-28 gennaio 2013. L'ESO ha avuto un ruolo di primo piano nell'evento, che si è rivelato un'eccellente occasione per mostrare i propri lavori e le strutture ai vari rappresentanti degli Stati Membri.

Durante la settimana, molti alti funzionari europei hanno visitato i vari centri dell'ESO in Cile. Tra questi:  il Presidente del Consiglio europeo, Herman Van Rompuy; il Presidente della Commissione europea, José Manuel Barroso; l'Alto Rappresentante dell'Unione Europea per gli affari esteri e la politica di sicurezza, la baronessa Catherine Ashton di Upholland; il ministro degli Esteri svedese, Carl Bildt; il Commissario europeo per il commercio, Karel De Gucht; il Direttore per l'Americhe dell'Ufficio Estero (FCO) del Regno Unito, Kate Smith.

Sessantuno capi di stato e governanti dall'America latina, dai Caraibi e dall'Unione Europea sono stati invitati al vertice, insieme a ministri e altri funzionari. Lo scopo dell'incontro era di costruire un'alleanza strategica per lo sviluppo sostenibile e la creazione di uno schema di integrazione politica, economica, fisica e dell'energia.

Herman Van Rompuy e José Manuel Barroso hanno, indipendentemente, visitato l'Oservatorio del Paranal dell'ESO, nel deserto di Atacama in Cile, ad un'altitudine di 2635 metri sul livello del mare. Sono stati accompagnati nella visita dell'osservatorio da Tim de Zeeuw, Direttore Generale dell'ESO, dove hanno potuto ammirare i quattro telescopi da 8,2 metri di diametro che formano il VLT (Very Large Telescope), il telescopio ottico/infrarosso più avanzato al mondo. Hanno anche visitato la Residencia del Paranal, il multi-premiato edificio che ospita uffici e alloggi.

Nel corso della sua visita, Herman Van Rompuy ha dichiarato: "Questi telescopi straordinari rappresentano un omaggio agli scienziati e all'industria europei, ma anche a come essi interagiscono con efficacia all'interno dell'ESO, sia con altri Stati membri che con la nazione ospite, il Cile. Il Paranal è un simbolo importante per l'umanità dell'aspirazione alla conoscenza e della cooperazione internazionale.".

José Manuel Barroso ha espresso la propria gratitudine per l'opportunità di visitare l'Osservatorio del Paranal dell'ESO: "È stata una grande occasione per visitare questo luogo spettacolare e vedere con i miei occhi i frutti della collaborazione di molti stati europei nel campo dell'Astronomia. È fondamentale esplorare le frontiere della scienza e approfondire la nostra conoscenza dell'Universo. Come europeo sono orgoglioso di vedere che teniamo fede a questo obiettivo ambizioso.".

Tim de Zeeuw, Direttore Generale dell'ESO, ha aggiunto: "Siamo onorati di ricevere i dirigenti dell'Unione Europea e i rappresentanti delle nazioni europee qui a Paranal e di mostrare loro il nostro lavoro. L'ESO è un grande esempio di come persone di molte diverse nazioni e culture si siano uniti per portare l'astronomia negli Stati membri e nella nazione ospite, il Cile, all'avanguardia della ricerca astronomica nel mondo.".

Catherin Ashton, l'Alto Rappresentante dell'Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza, ha visitato l'Osservatorio del Paranal all'inizio della settimana insieme con il Ministro svedese degli affari esteri, Carl Bildt.

Il Rappresentante dell'ESO in Cile, Massimo Tarenghi, ha concluso: "Siamo grati al supporto continuativo dei nostri Stati Membri europei e anche per il forte sostegno da parte del governo cileno, che ci hanno permesso di svolgere scienza di punta qui in Cile con il VLT e di pianificare l'E-ELT (European Extremely Large Telescope), il più grande occhio del mondo rivolto al cielo".

Infine, Kate Smith, Direttore per le Amerche dell'ufficio degli esteri (FCO) del Regno Unito, ha visitato gli uffici dell'ESO a Santiago, da cui viene coordinato tutto il lavoro dell'ESO in Cile.

L'ESO è stato invitato a esporre alcuni dei suoi lavori al vertice CELAC-EU, al Espacio Riesco in Santiago. Le stelle erano inoltre uno dei temi nel logo del vertice, basato sui lavori del rinomato scultore cileno Mario Irarrázabal, in cui appaiono alcune stelle del cielo del nord del Cile.  La mostra "Awesome Universe" dell'ESO, creata per celebrare i 50 anni di vita dell'organizzazione nel 2012, è stata scelta per decorare l'area, cosi come alcune immagini dell'ESO di oggetti astronomici osservati dai telescopi dell'ESO che sono di solito in mostra al Palazzo Presidenziale a Santiago.

Ulteriori Informazioni

L'ESO (European Southern Observatory, o Osservatorio Australe Europeo) è la principale organizzazione intergovernativa di Astronomia in Europa e l'osservatorio astronomico più produttivo al mondo. È sostenuto da 15 paesi: Austria, Belgio, Brasile, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Gran Bretagna, Italia, Olanda, Portogallo, Repubblica Ceca, Spagna, Svezia, e Svizzera. L'ESO svolge un ambizioso programma che si concentra sulla progettazione, costruzione e gestione di potenti strumenti astronomici da terra che consentano agli astronomi di realizzare importanti scoperte scientifiche. L'ESO ha anche un ruolo di punta nel promuovere e organizzare la cooperazione nella ricerca astronomica. L'ESO gestisce tre siti osservativi unici al mondo in Cile: La Silla, Paranal e Chajnantor. Sul Paranal, l'ESO gestisce il Very Large Telescope, osservatorio astronomico d'avanguardia nella banda visibile e due telescopi per survey. VISTA, il più grande telescopio per survey al mondo, lavora nella banda infrarossa mentre il VST (VLT Survey Telescope) è il più grande telescopio progettato appositamente per produrre survey del cielo in luce visibile. L'ESO è il partner europeo di un telescopio astronomico di concetto rivoluzionario, ALMA, il più grande progetto astronomico esistente. L'ESO al momento sta progettando l'European Extremely Large Telescope o E-ELT (significa Telescopio Europeo Estremamente Grande), un telescopio da 39 metri che opera nell'ottico e infrarosso vicino e che diventerà "il più grande occhio del mondo rivolto al cielo".

Links

Contatti

Anna Wolter
INAF-Osservatorio Astronomico di Brera
Milano, ITALY
Tel.: +39 02 72320321
E-mail: anna.wolter@brera.inaf.it

Lars Lindberg Christensen
ESO education and Public Outreach Department
Garching bei München, Germany
Tel.: +49-89-3200-6761
Cell.: +49-173-3872-621
E-mail: lars@eso.org

Massimo Tarenghi
ESO Representative in Chile
Santiago, Chile
Tel.: +56 2 463 3143
E-mail: mtarengh@eso.org

Questa è una traduzione del Comunicato Stampa dell'ESO eso1305.
Bookmark and Share

Sul Comunicato Stampa

Comunicato Stampa N":eso1305it
Tipo:• X - People and Events
• X - Events

Immagini

Il Presidente del Consiglio europeo, Herman Van Rompuy, durante una visita all'Osservatorio del Paranal
Il Presidente del Consiglio europeo, Herman Van Rompuy, durante una visita all'Osservatorio del Paranal
The President of the European Commission, José Manuel Barroso, during a visit to ESO’s Paranal Observatory
The President of the European Commission, José Manuel Barroso, during a visit to ESO’s Paranal Observatory
soltanto in inglese
ESO images and model of the E-ELT at the CELAC-EU Summit in Santiago
ESO images and model of the E-ELT at the CELAC-EU Summit in Santiago
soltanto in inglese
The Prime Minister of France, Jean-Marc Ayrault, and Massimo Tarenghi at the CELAC–EU Summit in Santiago
The Prime Minister of France, Jean-Marc Ayrault, and Massimo Tarenghi at the CELAC–EU Summit in Santiago
soltanto in inglese
ESO images and model of the E-ELT at the CELAC-EU Summit in Santiago
ESO images and model of the E-ELT at the CELAC-EU Summit in Santiago
soltanto in inglese

Video

Visit of José Manuel Barroso to the VLT
Visit of José Manuel Barroso to the VLT
soltanto in inglese

Vedere anche