eso1510it — Foto Comunicato Stampa

Un maestoso spettacolo di stelle nuove

11 Marzo 2015

Questo paesaggio sensazionale nella costellazione meridionale dell'Altare racchiude come uno scrigno molti tesori celesti. Ammassi stellari, nebulose a emissione e regioni di formazione stellare attiva sono solo alcuni dei gioielli osservati in questa zona che si trova a circa 4000 anni luce dalla Terra. Questa bella immagine, presa dal VST (telescopio per survey del VLT) all'Osservatorio dell'ESO al Paranal in Cile, è la veduta finora più dettagliata di questa parte di cielo.

Al centro dell'immagine si vede l'ammasso stellare aperto NGC 6193, che contiene una trentina di stelle brillanti e forma il cuore dell'associazione OB1 dell'Altare. Le due stelle più brillanti sono giganti molto calde. Insieme, costituiscono la fonte principale di illuminazione della vicina nebulosa a emissione, la Nebulosa Rim (bordo, in inglese) o NGC 6188, visibile a destra dell'ammasso.

Un associazione stellare è un grande gruppo di stelle legate debolmente che non si sono ancora del tuto allontanate dal luogo di formazione iniziale. Le associazioni di tipo OB sono composte per la maggior parte da stelle molto giovani bianco-blu, circa 100 000 volte più luminose e 10 - 50 volte più massicce del Sole.

La Nebulosa Rim è il muro di nubi scure e luminose che marca il confine tra una regione di formazione stellare attiva all'interno della nube molecolare, nota come RCW 108, e il resto dell'associazione [1]. L'area intorno a RCW 108 è composta per la maggior parte da idrogeno - l'ingrediente primario della formazione stellare. Queste aree sono conosciute anche come regioni H II.

La radiazione ultravioletta e i venti stellari intensi dalle stelle di NGC 6193 sembrano condurre una nuova generazione di formazione stellare nelle nubi circostanti di gas e polveri. Quando i frammenti della nube collassano si scaldano e alla fine formano nuove stelle.

A mano a mano che la nube crea nuove stelle, viene anche erosa dai venti e della radiazione emessa dalle stelle delle precedenti generazioni e da violente esplosioni di supernova. In questo modo le regioni H II tendono ad avere una durata di soli pochi milioni di anni. La formazione stellare è un processo molto inefficiente: circa il 10 % del materiale disponibile contribuisce al processo, mentre il resto viene soffiato via nello spazio.

Alcuni segnali indicano che la Nebulosa Rim potrebbe essere nella fase iniziale di "formazione di pilastri" e in futuro potrebbe assomigliare ad altre famose zone di formazione stellare, come per esempio la Nebulosa Aquila (Messier 16, che contiene i famosi "Pilastri della Creazione") e la Nebulosa Cono (parte di NGC 2264).

Questa immagine spettacolare è stata in realtà creata a partire da più di 500 singole fotografie prese in quattro diversi filtri di colore con il VST (VLT Survey Telescope). Il tempo totale di esposizione è stato di più di 56 ore. Questa è la veduta più dettagliata mai ottenuta di questa regione.

Note

[1] Questa nebulosa ha anche un'altra modesta fama tra gli astronomi, poichè una sua precedente immagine è stata usata come copertina del DVD che conteneva la raccolta di software astronomico dell'ESO: Scisoft, la cui versione più recente è stata distribuita qualche settimana fa. Viene perciò anche chiamata la Nebulosa Scisoft.

Ulteriori Informazioni

L'ESO (European Southern Observatory, o Osservatorio Australe Europeo) è la principale organizzazione intergovernativa di Astronomia in Europa e l'osservatorio astronomico più produttivo al mondo. È sostenuto da 16 paesi: Austria, Belgio, Brasile, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Italia, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Regno Unito, Repubblica Ceca, Spagna, Svezia, e Svizzera, oltre al paese che ospita l'ESO, il Cile. L'ESO svolge un ambizioso programma che si concentra sulla progettazione, costruzione e gestione di potenti strumenti astronomici da terra che consentano agli astronomi di realizzare importanti scoperte scientifiche. L'ESO ha anche un ruolo di punta nel promuovere e organizzare la cooperazione nella ricerca astronomica. L'ESO gestisce tre siti osservativi unici al mondo in Cile: La Silla, Paranal e Chajnantor. Sul Paranal, l'ESO gestisce il Very Large Telescope, osservatorio astronomico d'avanguardia nella banda visibile e due telescopi per survey. VISTA, il più grande telescopio per survey al mondo, lavora nella banda infrarossa mentre il VST (VLT Survey Telescope) è il più grande telescopio progettato appositamente per produrre survey del cielo in luce visibile. L'ESO è il partner principale di ALMA, il più grande progetto astronomico esistente. E sul Cerro Armazones, vicino al Paranal, l'ESO sta costruendo l'European Extremely Large Telescope o E-ELT (significa Telescopio Europeo Estremamente Grande), un telescopio da 39 metri che diventerà "il più grande occhio del mondo rivolto al cielo".

La traduzione dall'inglese dei comunicati stampa dell'ESO è un servizio dalla Rete di Divulgazione Scientifica dell'ESO (ESON: ESO Science Outreach Network) composta da ricercatori e divulgatori scientifici da tutti gli Stati Membri dell'ESO e altri paesi. Il nodo italiano della rete ESON è gestito da Anna Wolter.

Links

Contatti

Anna Wolter
INAF-Osservatorio Astronomico di Brera
Milano, ITALY
Tel.: +39 02 72320321
E-mail: anna.wolter@brera.inaf.it

Richard Hook
ESO, Public Information Officer
Garching bei München, Germany
Tel.: +49 89 3200 6655
Cell.: +49 151 1537 3591
E-mail: rhook@eso.org

Connect with ESO on social media

Questa è una traduzione del Comunicato Stampa dell'ESO eso1510.

Sul Comunicato Stampa

Comunicato Stampa N":eso1510it
Nome:NGC 6188, NGC 6193
Tipo:Milky Way : Nebula : Appearance : Dark
Milky Way : Star : Grouping : Cluster : Open
Milky Way : Nebula : Appearance : Emission : H II Region
Facility:VLT Survey Telescope

Immagini

L'ammasso stellare NGC 6193 e la nebulosa NGC 6188
L'ammasso stellare NGC 6193 e la nebulosa NGC 6188
L'ammasso aperto NGC 6193 nella costellazione dell'Altare
L'ammasso aperto NGC 6193 nella costellazione dell'Altare

Video

Zoom sull'ammasso stellare NGC 6193 e sulla nebulosa NGC 6188
Zoom sull'ammasso stellare NGC 6193 e sulla nebulosa NGC 6188
Primo piano dell'ammasso stellare NGC 6193 e della nebulosa NGC 6188
Primo piano dell'ammasso stellare NGC 6193 e della nebulosa NGC 6188

Vedere anche