I primi oggetti celesti nell'Universo

Artist impression of the ELTCon l'esplorazione degli oggetti più distanti dell'Universo, l'ELT fornirà degli elementi per capire la formazione dei primi corpi celesti che si crearono nell'Universo: stelle primordiali, galassie primordiali e buchi neri e le loro correlazioni. Studi di oggetti estremi, come i buchi neri, trarranno beneficio dalla capacità dell'ELT di capire più profondamente l'evoluzione temporale dei fenomeni legati ai vari processi attivi intorno a oggetti compatti.

L'ELT è progettato per fare studi dettagliati delle prime galassie e per seguire la loro evoluzione attraverso il tempo cosmico. Le osservazioni di queste prime galassie con l'ELT fornirà degli elementi che aiuteranno a capire come questi oggetti si formano ed evolvono. In aggiunta, l'ELT sarà uno strumento unico per fare un inventorio dei cambiamenti della quantità dei vari elementi dell'Universo nel corso del tempo, e per capire la storia della formazione delle stelle nelle galassie.

Uno degli obiettivi più entusiasmenti dell'ELT è la possibilità di fare una misurazione diretta dell'accelerazione dell'espansione dell'Universo. Questa misura avrebbe un grande impatto sulla nostra capacità di comprendere l'Universo. L'ELT cercherà anche le possibili variazioni temporali delle fondamentali costanti fisiche. Una rilevazione inequivocabile di queste variazioni avrebbe estreme conseguenze sulla nostra comprensione delle leggi generali della fisica.