eso1213it-ch — Foto Comunicato Stampa

Lo sguardo di VISTA si spinge nella profondità nel Cosmo

Una miniera di nuovi dati infrarossi messi a disposizione degli astronomi.

21 marzo 2012

Il telescopio VISTA dell'ESO ha prodotto la più ampia panoramica del cielo profondo mai realizzata in luce infrarossa. Questa nuova immagine di un pezzetto qualsiasi di cielo, tratta dalla survey UltraVISTA, mostra più di 200000 galassie ed è solo una delle numerose immagini della survey VISTA che l'ESO mette a disposizione, già elaborate, degli astronomi di tutto il mondo. UltraVISTA è una miniera di dati che viene usata per studiare galassie distanti nell'Universo lontano così come per molti altri progetti scientifici.

Il telescopio VISTA dell'ESO è stato puntato ripetutamente sulla stessa zona di cielo per accumulare lentamente la debolissima luce prodotta dalle galassie più distanti. In totale, sono state combinate per questa immagine più di seimila pose individuali, per un tempo di esposizione totale di 55 ore, attraverso cinque filtri di colori diversi. Questa immagine dalla survey UltraVISTA è la più profonda [1] panoramica infrarossa del cielo mai realizzata.

Il telescopio VISTA, all'Osservatorio del Paranal dell'ESO, in Cile, è il più grande telescopio per survey esistente al mondo e il più potente telescopio per survey nella banda infrarossa. Dall'inizio delle osservazioni nel 2009 (eso0949) la maggior parte del tempo osservativo è stata dedicata a survey pubbliche, alcune delle quali coprono grandi zone del cielo australe mentre altre sono più focalizzate su aree limitate. La survey UltraVISTA è dedicata al campo COSMOS ([2], eso1124, heic0701) un pezzetto di cielo apparentemente vuoto già ampiamente studiato con altri telescopi, tra cui il Telescopio Spaziale Hubble della NASA/ESA [3]. UltraVISTA è di gran lunga la più profonda delle sei survey di VISTA e rivela gli oggetti più deboli.

I dati della survey VISTA — più di 6 TeraByte di immagini — sono ora in fase di elaborazione nei centri dati del Regno Unito, e in Francia nel caso di UltraVISTA, e verranno poi riportati negli archivi scientifici dell'ESO e messi a disposizione degli astronomi di tutto il mondo.

Di primo acchito, le immagini di UltraVISTA sembrano insignificanti: alcune stelle brillanti e una spruzzata di stelle più deboli. In realtà, quasi tutti gli oggetti deboli non sono stelle della nostra Via Lattea, ma galassie remote, ciascuna composta da miliardi di stelle. Ingrandendo l'immagine sempre di più, fino a riempire lo schermo e oltre, se ne vedono in numero sempre maggiore. Nell'immagine si contano più di 200000 galassie in totale.

L'espansione dell'Universo sposta la luce degli oggetti distanti verso lunghezze d'onda maggiori. Per le galassie più lontane che riusciamo ad osservare, questo significa che la maggior parte della luce cade nella zona infrarossa dello spettro quando arriva a Terra. Un telescopio molto sensibile nella banda infrarossa e con un grande campo di vista come VISTA è lo strumento più potente per individuare galassie distanti nell'Universo primordiale. Studiando la luce sempre più spostata verso il rosso di galassie a distanze sempre maggiori gli astronomi possono risalire alla formazione delle galassie stesse e alla loro evoluzione nel corso della storia del cosmo.

Un attento esame della foto rivela decine di migliaia di oggetti rossastri, precedentemente sconosciuti, sparsi tra le galassie più numerose di color crema. Queste sono per lo più galassie molto distanti viste quando l'Universo aveva solo una frazione della sua età attuale. Studi preliminari delle immagini di UltraVISTA, insieme con immagini di altri telescopi, hanno rivelato la presenza di molte galassie che si vedono quando l'Universo aveva un miliardo di anni o anche meno.

Anche se l'immagine attuale di UltraVISTA è già la più profonda immagine infrarossa esistente di queste dimensioni, le osservazioni continuano. Il risultato finale, tra qualche anno, sarà un'immagine ancora più profonda.

Le survey sono una risorsa indispensabile per gli astronomi e l'ESO ha dato inizio a un programma [4] per far sì che il ricco patrimonio di VISTA e del suo compagno in luce visibile, il VST (VLT Survey Telescope, eso1119) rimangano accessibili agli astronomi per i decenni futuri.

Note

[1] Gli astronomi definiscono "profonde" le immagini prese con un tempo di esposizone lungo, in grado di rivelare gli oggetti più deboli. Di solito si realizzano molte esposizioni più brevi che vengono poi combinate in modo digitale. [2] UltraVISTA ha fotografato il campo COSMOS nella costellazione del Sestante. Questa regione di cielo è stata osservata da moltissimi telescopi così che i numerosi dati possono essere sfruttati da vari studi e ricerche. UltraVISTA copre 1,5 gradi quadrati di cielo, circa otto volte l'area della Luna piena e poco meno del campo totale di COSMOS.

[3] Le nuove osservazioni UltraVISTA rappresentano le osservazioni infrarosse più profonde del campo COSMOS e integrano osservazioni ad altre lunghezze d'onda ottenute con diversi telescopi, sia da Terra che dallo spazio.

[4] I dati dei telescopi dell'ESO di solito finiscono direttamente in un immenso archivio digitale. Ma una nuova iniziativa, detta Fase 3, prevede la raccolta dei dati dell'ESO già elaborati da vari gruppi di astronomi in tutta Europa per renderli disponibili in una forma che ne permetta l'uso immediato. L'elaborazione di grandi immagini astronomiche, come quelle dei telescopi per survey, è impegnativa e richiede risorse computazionali notevoli oltre ad una elevata specializzazione nel trattamento. È così che fornire dati completamente elaborati, omogenei e ben documentati, piuttosto che i dati grezzi ottenuti al telescopio, aiuta enormemente la comunità a sfruttare al meglio i dati.

Ulteriori Informazioni

Nel 2012 cade il 50o anniversario della fondazione dell'ESO (European Southern Observatory, o Osservatorio Australe Europeo).  L'ESO è la principale organizzazione intergovernativa di Astronomia in Europa e l'osservatorio astronomico più produttivo al mondo. È sostenuto da 15 paesi: Austria, Belgio, Brasile, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Gran Bretagna, Italia, Olanda, Portogallo, Repubblica Ceca, Spagna, Svezia, e Svizzera. L'ESO svolge un ambizioso programma che si concentra sulla progettazione, costruzione e gestione di potenti strumenti astronomici da terra che consentano agli astronomi di realizzare importanti scoperte scientifiche. L'ESO ha anche un ruolo di punta nel promuovere e organizzare la cooperazione nella ricerca astronomica. L'ESO gestisce tre siti osservativi unici al mondo in Cile: La Silla, Paranal e Chajnantor. Sul Paranal, l'ESO gestisce il Very Large Telescope, osservatorio astronomico d'avanguardia nella banda visibile e due telescopi per survey. VISTA, il più grande telescopio per survey al mondo, lavora nella banda infrarossa mentre il VST (VLT Survey Telescope) è il più grande telescopio progettato appositamente per produrre survey del cielo in luce visibile. L'ESO è il partner europeo di un telescopio astronomico di concetto rivoluzionario, ALMA, il più grande progetto astronomico esistente. L'ESO al momento sta progettando l'European Extremely Large Telescope o E-ELT (significa Telescopio Europeo Estremamente Grande), della classe dei 40 metri, che opera nell'ottico e infrarosso vicino e che diventerà "il più grande occhio del mondo rivolto al cielo".

Links

Contatti

Nicolas Cretton
ESO Science Outreach Network
Savosa, Switzerland
Tel.: +41 91 81 53 811
E-mail: eson-switzerland@eso.org

James S. Dunlop
Institute for Astronomy, University of Edinburgh, Royal Observatory
Edinburgh, UK
Tel.: +44 131 668 8477
E-mail: jsd@roe.ac.uk

Marijn Franx
Leiden Observatory
Leiden, Netherlands
Tel.: +31 71 527 5870
E-mail: franx@strw.leidenuniv.nl

Johan Fynbo
Dark Cosmology Centre, University of Copenhagen
Copenhagen, Denmark
Tel.: +45 3532 5983
E-mail: jfynbo@dark-cosmology.dk

Olivier Le Fèvre
Laboratoire d'Astrophysique de Marseille
Marseille, France
Tel.: +33 4 91 05 59 85
E-mail: Olivier.LeFevre@oamp.fr

Henry Joy McCracken
Institut d'astrophysique de Paris
Paris, France
E-mail: hjmcc@iap.fr

Magda Arnaboldi
ESO
Garching bei München, Germany
Tel.: +49 89 3200 6599
E-mail: marnabol@eso.org

Richard Hook
ESO, La Silla, Paranal, E-ELT and Survey Telescopes Public Information Officer
Garching bei München, Germany
Tel.: +49 89 3200 6655
Cell.: +49 151 1537 3591
E-mail: rhook@eso.org

Questa è una traduzione del Comunicato Stampa dell'ESO eso1213.
Bookmark and Share

Sul Comunicato Stampa

Comunicato Stampa N":eso1213it-ch
Nome:COSMOS Field
Tipo:• Early Universe : Cosmology : Morphology : Deep Field
• X - Cosmology
• X - Survey Telescopes
Facility:Visible and Infrared Survey Telescope for Astronomy

Immagini

VISTA osserva il cosmo in profondità
VISTA osserva il cosmo in profondità
Sintesi delle immagini più salienti nella panoramica infrarossa di VISTA del campo COSMOS
Sintesi delle immagini più salienti nella panoramica infrarossa di VISTA del campo COSMOS
Il campo COSMOS nella costellazione del Sestante
Il campo COSMOS nella costellazione del Sestante
Panoramica del campo COSMOS
Panoramica del campo COSMOS

Video

Zoom sul campo profondo di VISTA nel campo COSMOS
Zoom sul campo profondo di VISTA nel campo COSMOS
Panoramica sul campo profondo di VISTA nel campo COSMOS
Panoramica sul campo profondo di VISTA nel campo COSMOS

Vedere anche