eso1501it-ch — Foto Comunicato Stampa

Dove sono finite tutte le stelle?

Una nube oscura nasconde centinaia di stelle sullo sfondo.

07 Gennaio 2015

Sembra che manchino alcune stelle in questa nuova e affascinante immagine dell'ESO. La macchia nera in questo campo luccicante di stelle non è in realtà un vuoto, ma piuttosto una regione di spazio ostruita da gas e polveri. Questa nube oscura si chiama LDN 483 - che significa Lynds Dark Nebula, o in italiano Nebulosa Oscura di Lynds. Queste nubi sono il luogo di formazione e nascita delle future stelle. Lo strumento WFI (Wide Field Imager), montato sul telescopio da 2,2 metri dell'MPG/ESO all'Osservatorio dell'ESO di La Silla in Cile, ha catturato questa immagine di LDN 483 e dintorni.

LDN 483 [1] si trova a circa 700 anni luce da noi nella costellazione del Serpente. La nube contiene polvere in quantità sufficiente da bloccare completamente la luce visibile emessa dalle stelle di fondo. Le nubi molecolari particolarmente dense, come LDN 483, si definiscono appunto nubi oscure per questa proprietà di oscuramento. La natura di LDN 483, priva di stelle, e la sua connotazione suggerirebbero che siano proprio i luoghi in cui le stelle non possono radicarsi e crescere. Ma in realtà è vero proprio l'opposto: le nebulose oscure offrono uno degli ambienti più fertili per la formazione stellare.

Gli astronomi che studiano la formazione stellare in LDN 483 hanno scoperto alcune delle più giovani baby-stelle osservabili, proprio nascoste nell'interno di LDN 483. Si può pensare a queste stelle in gestazione come se fossero ancora nel grembo materno: stelle non complete o immature.

In questa prima fase dello sviluppo stellare, la futura stella è solo una palla di gas e polvere che si contrae a causa della forza di gravità all'interno della nube molecolare circostante. La protostella è ancora abbastanza fredda - circa -250 gradi Celsius - e risplende solo in luce submillimetrica, a grandi lunghezze d'onda [2]. Eppure la temperatura e la pressione iniziano ad aumentare nel nucleo della stella nascente.

Questo periodo iniziale della crescita dura appena un migliaio di anni, un tempo incredibilmente corto su scala astronomica, dato che le stelle di solito vivono per milioni o miliardi di anni. Nelle fasi successive, nel corso di molti milioni di anni, la protostella diventerà più calda e più densa. La sua emissione nel frattempo aumenterà in energia, gradualmente da luce del lontano infrarosso e fredda fino al vicino infrarosso e infine in luce visibile. La protostella, una volta debole, sarà quindi diventata una vera stella luminosa.

A mano a mano che sempre più stelle emergono dalle profondità scure come l'inchiostro di LDN 483, la nebulosa oscura si disperderà ulteriormente e perderà la sua opacità. Le stelle mancanti, quelle al momento nascoste alla nostra vista, diveranno visibili - ma solo tra qualche milione di anni - e saranno a questo punto offuscate dalla luce brillante delle giovani stelle cresciute nella nebulosa [3].

Note

[1] Il catalogo delle "Nebulose Oscure" di Lynds è stato compilato dall'astronoma americana Beverly Turner Lynds, pubblicato nel 1962. Queste nebulose oscure sono state trovate attraverso un esame visivo delle lastre fotografiche della survey del cielo dell'Osservatorio di Palomar.

[2] ALMA, (Atacama Large Millimeter/submillimeter Array) gestito in parte dall'ESO, osserva in luce millimetrica e sub-millimetrica ed è lo strumento ideale per lo studio di queste stelle così giovani nelle nubi molecolari.

[3] Uno di questi giovani ammassi stellari è visibile qui, mentre uno più maturo qui.

Ulteriori Informazioni

L'ESO (European Southern Observatory, o Osservatorio Australe Europeo) è la principale organizzazione intergovernativa di Astronomia in Europa e l'osservatorio astronomico più produttivo al mondo. È sostenuto da 15 paesi: Austria, Belgio, Brasile, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Gran Bretagna, Italia, Olanda, Portogallo, Repubblica Ceca, Spagna, Svezia, e Svizzera. L'ESO svolge un ambizioso programma che si concentra sulla progettazione, costruzione e gestione di potenti strumenti astronomici da terra che consentano agli astronomi di realizzare importanti scoperte scientifiche. L'ESO ha anche un ruolo di punta nel promuovere e organizzare la cooperazione nella ricerca astronomica. L'ESO gestisce tre siti osservativi unici al mondo in Cile: La Silla, Paranal e Chajnantor. Sul Paranal, l'ESO gestisce il Very Large Telescope, osservatorio astronomico d'avanguardia nella banda visibile e due telescopi per survey. VISTA, il più grande telescopio per survey al mondo, lavora nella banda infrarossa mentre il VST (VLT Survey Telescope) è il più grande telescopio progettato appositamente per produrre survey del cielo in luce visibile. L'ESO è il partner europeo di un telescopio astronomico di concetto rivoluzionario, ALMA, il più grande progetto astronomico esistente. L'ESO al momento sta progettando l'European Extremely Large Telescope o E-ELT (significa Telescopio Europeo Estremamente Grande), un telescopio da 39 metri che opera nell'ottico e infrarosso vicino e che diventerà "il più grande occhio del mondo rivolto al cielo".

La traduzione dall'inglese dei comunicati stampa dell'ESO è un servizio dalla Rete di Divulgazione Scientifica dell'ESO (ESON: ESO Science Outreach Network) composta da ricercatori e divulgatori scientifici da tutti gli Stati Membri dell'ESO e altri paesi. Il nodo italiano della rete ESON è gestito da Anna Wolter.

Links

Contatti

Anna Wolter
INAF-Osservatorio Astronomico di Brera
Milano, ITALY
Tel.: +39 02 72320321
E-mail: anna.wolter@brera.inaf.it

Richard Hook
ESO education and Public Outreach Department
Garching bei München, Germany
Tel.: +49 89 3200 6655
E-mail: rhook@eso.org

Connect with ESO on social media

Questa è una traduzione del Comunicato Stampa dell'ESO eso1501.

Sul Comunicato Stampa

Comunicato Stampa N":eso1501it-ch
Nome:LDN 483
Tipo:Milky Way : Nebula : Appearance : Dark
Facility:MPG/ESO 2.2-metre telescope
Instruments:WFI

Immagini

La nebulosa oscura LDN 483
La nebulosa oscura LDN 483
LDN 483 nella costellazione del Serpente
LDN 483 nella costellazione del Serpente
Panoramica del cielo intorno alla nebulosa oscura LDN 483
Panoramica del cielo intorno alla nebulosa oscura LDN 483

Video

Zoom sulla nebulosa oscura LDN 483.
Zoom sulla nebulosa oscura LDN 483.
Primo piano della nebulosa oscura LDN 483
Primo piano della nebulosa oscura LDN 483

Vedere anche