eso1543it — Comunicato Stampa Organizzazione

Le prime osservazioni di SEPIA

Un nuovo strumento per APEX: serve per cercare l'acqua nell'Universo

04 Novembre 2015

Un nuovo strumento, montato sul telescopio APEX (Atacama Pathfinder Experiment) da 12 metri di diametro, a 5000 metri sul livello del mare nelle Ande cilene, ci offre una nuova finestra sull'Universo, finora inesplorata. Lo strumento SEPIA (Swedish–ESO PI receiver for APEX) sarà in grado di rivelare i deboli segnali emessi dall'acqua e da altre molecole nella Via Lattea, in altre galassie vicine e nell'Universo primordiale.

Installato all'inizio dell'anno su APEX, SEPIA [1] è sensibile alla luce di lunghezza d'onda che va da 1,4 a 1,9 millimetri [2]. Le condizioni osservative eccezionali dell'arida piana di Chajnantor nel nord del Cile fanno sì che, anche se questo intervallo di lunghezze d'onda viene bloccato dal vapor acqueo contenuto nell'atmosfera nella maggior parte dei siti osservativi al mondo, SEPIA possa comunque rivelare i deboli segnali che provengono dallo spazio.

Questa regione dello spettro elettromagnetico è molto interessante per gli astronomi poichè vi si trovano i segnali emessi dall'acqua nello spazio. L'acqua è un indicatore importante di molti processi astrofisici, tra cui la formazione delle stelle, e si pensa che giochi un ruolo fondamentale nell'origine della vita. Studiare l'acqua nello spazio - nelle nubi molecolari, nelle zone di formazione stellare e anche nelle comete all'interno del Sistema Solare - dovrebbe fornire indizi critici sul ruolo dell'acqua nella Via Lattea e nella storia della Terra. Inoltre, la sensibilità di SEPIA lo rende uno strumento molto efficace per rivelare il monossido di carbonio e il carbonio ionizzato nelle galassie dell'Universo primordiale.

Il nuovo ricevitore SEPIA è stato usato per alcuni test astronomici su APEX durante il 2015. Ricevitori identici verranno installati sulle antenne di ALMA. I risultati del nuovo rivelatore montato su APEX hanno dimostrato che sta funzionando bene. Dopo questa verifica, SEPIA viene reso disponibile per tutta la comunità scientifica, tutti gli astronomi quindi possono richiedere osservazioni con SEPIA.

"Le prime misure con SEPIA su APEX mostrano che stiamo veramente aprendo una nuova finestra, che comprende la possibilità di osservare l'acqua nello spazio interstellare - SEPIA darà agli astronomi la possibilità di cercare oggetti che si potranno seguire con alta risoluzione spaziale quando gli stessi ricevitori saranno operativi su tutta la schiera di ALMA", commenta John Conway, direttore dell'Osservatorio Spaziale di Onsala, Chalmers University of Technology in Svezia.

Così come il cielo buio è essenziale per vedere gli oggetti deboli in luce visibile, un'atmosfera molto secca è necessaria per catturare i segnali dell'acqua dal cosmo a lunghezze d'onda maggiori. Ma le condizioni di bassa umidità non sono l'unico requisito: i rivelatori devono anche essere raffreddati alla temperatura molto bassa di -269 C - appena 4 gradi sopra lo zero assoluto - per poter funzionare. Recenti sviluppi tecnologici hanno reso possibili e pratici da costruire questo tipo di rivelatori.

APEX, una collaborazione tra il Max Planck Institute for Radio Astronomy (MPIfR), l'Onsala Space Observatory (OSO) e l'ESO, è il più grande telescopio submillimetrico ad antenna singola nell'emisfero australe e si basa su un'antenna prototipo costruita per il progetto ALMA.

Note

[1] SEPIA, acronimo di “Swedish ESO PI receiver for APEX”, è stato progettato e costruito dal gruppo Group for Advanced Receiver Development (GARD) dell'Onsala Space Observatory all'Università Chalmers University of Technology in Svezia, con il sostegno di ESO. SEPIA può ospitare tre ricevitori, uno dei quali è attualmente installato. La cartuccia per i ricevitori era stata originariamente sviluppata e verificata per la Banda 5 di ALMA, nell'ambito del programma quadro FP6 della Commissione Europea (ALMA Enhancement). L'ESO ha prodotto l'oscillatore locale mentre l'elettronica a temperatura ambiente è stata costruita dall'NRAO (ann15059).

"Sepia" è anche un colore con molti collegamenti con l'acqua. La tonalità bruno-rossastra, caratteristica dei pigmenti raccolti dagli esemplari del genere Sepia (abbondanti sia nella acque della Svezia che del Cile) è stato usato fin dai tempi antichi negli inchiostri, mentre il viraggio seppia è un modo ben noto per garantire una maggior durata alle stampe fotografiche.

[2] Frequenze tra 158 e 211 GHz.

Ulteriori Informazioni

APEX è una collaborazione tra il Max Planck Institut für Radioastronomie (MPIfR), l'Osservatorio spaziale di Onsala (OSO) e l'ESO. La gestione di APEX a Chajnantor è affidata all'ESO.

ALMA è una partnership tra l'ESO (che rappresenta i suoi Stati Membri), l'NSF (USA) e NINS (Giappone) insieme com NRC (Canada), NSC e ASIAA (Taiwan) e KASI (Sud Corea), in collaborazione con la Repubblica del Cile. Il JAO (Joint ALMA Observatory) è gestito da ESO, AUI/NRA e NOAJ.

L'ESO (European Southern Observatory, o Osservatorio Australe Europeo) è la principale organizzazione intergovernativa di Astronomia in Europa e l'osservatorio astronomico più produttivo al mondo. È sostenuto da 16 paesi: Austria, Belgio, Brasile, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Italia, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Regno Unito, Repubblica Ceca, Spagna, Svezia, e Svizzera, oltre al paese che ospita l'ESO, il Cile. L'ESO svolge un ambizioso programma che si concentra sulla progettazione, costruzione e gestione di potenti strumenti astronomici da terra che consentano agli astronomi di realizzare importanti scoperte scientifiche. L'ESO ha anche un ruolo di punta nel promuovere e organizzare la cooperazione nella ricerca astronomica. L'ESO gestisce tre siti osservativi unici al mondo in Cile: La Silla, Paranal e Chajnantor. Sul Paranal, l'ESO gestisce il Very Large Telescope, osservatorio astronomico d'avanguardia nella banda visibile e due telescopi per survey. VISTA, il più grande telescopio per survey al mondo, lavora nella banda infrarossa mentre il VST (VLT Survey Telescope) è il più grande telescopio progettato appositamente per produrre survey del cielo in luce visibile. L'ESO è il partner principale di ALMA, il più grande progetto astronomico esistente. E sul Cerro Armazones, vicino al Paranal, l'ESO sta costruendo l'European Extremely Large Telescope o E-ELT (significa Telescopio Europeo Estremamente Grande), un telescopio da 39 metri che diventerà "il più grande occhio del mondo rivolto al cielo".

La traduzione dall'inglese dei comunicati stampa dell'ESO è un servizio dalla Rete di Divulgazione Scientifica dell'ESO (ESON: ESO Science Outreach Network) composta da ricercatori e divulgatori scientifici da tutti gli Stati Membri dell'ESO e altri paesi. Il nodo italiano della rete ESON è gestito da Anna Wolter.

Links

Contatti

Anna Wolter
INAF-Osservatorio Astronomico di Brera
Milano, ITALY
Tel.: +39 02 72320321
E-mail: anna.wolter@brera.inaf.it

Carlos De Breuck
ESO APEX Programme Scientist
Garching bei München, Germany
Tel.: +49 89 3200 6613
E-mail: cdebreuc@eso.org

Richard Hook
ESO Public Information Officer
Garching bei München, Germany
Tel.: +49 89 3200 6655
Cell.: +49 151 1537 3591
E-mail: rhook@eso.org

Connect with ESO on social media

Questa è una traduzione del Comunicato Stampa dell'ESO eso1543.

Sul Comunicato Stampa

Comunicato Stampa N":eso1543it
Nome:First Light, SEPIA
Tipo:Unspecified : Technology : Observatory : Instrument
Facility:Atacama Pathfinder Experiment
Instruments:SEPIA

Immagini

Un nuovo strumento su APEX per cercare l'acqua nell'Universo
Un nuovo strumento su APEX per cercare l'acqua nell'Universo
Un nuovo strumento su APEX per cercare l'acqua nell'Universo
Un nuovo strumento su APEX per cercare l'acqua nell'Universo
Installazione dello strumento SEPIA su APEX
Installazione dello strumento SEPIA su APEX
Disegno schematico dello strumento SEPIA
Disegno schematico dello strumento SEPIA
Osservazioni della stella W Hydrae con SEPIA
Osservazioni della stella W Hydrae con SEPIA

Vedere anche