Kids

eso1207it-ch — Foto Comunicato Stampa

Una sacca di formazione stellare

01 febbraio 2012

Questa nuova immagine mostra l'incubatrice stellare nota come NGC 3324. È stata ottenuta con il WFI (Wide Field Imager) sul telescopio da 2,2 metri dell'MPG/ESO all'Osservatorio di La Silla in Cile. L'intensa radiazione ultravioletta prodotta dalle molte stelle calde e giovani di NGC 3324 fa risplendere il gas di vivi colori e ha perfino intagliato una cavità nel gas e nelle polveri circostanti.

NGC 3324 si trova nella costellazione australe della Carena (è la carena della nave di Giasone, Argo) a circa 7200 anni luce dalla Terra. È localizzata nella zona più settentrionale dell'ambiente caotico della Nebulosa Carena, scolpita da molte altre sacche di formazione stellare (eso0905). Un ricco deposito di gas e polvere nella regione di NGC 3324 ha fornito carburante per un improvviso evento di creazione di nuove stelle in questa regione molti milioni di anni fa ed ha portato alla creazione di diverse stelle caldissime e poderose che sono molto evidenti in questa nuova fotografia.

I venti stellari e l'intensa radiazione prodotta da queste stelle giovani hanno aperto un varco nel gas e nella polvere circostanti. Questo è più evidente nella parete di materia visibile a destra del centro dell'immagine. La radiazione ultravioletta delle giovani stelle calde ha scalzato gli elettroni dagli atomi di idrogeno. Gli elettroni quando vengono poi ricatturati producono un bagliore color cremisi scendendo a cascata i vari livelli energetici dell'atomo e così facendo rivelano l'estensione del gas diffuso. Altri colori corrispondono ad altri elementi, come ad esempio il caratteristico colore giallo verde dell'ossigeno ionizzato due volte visibile nella parte centrale.

Così come con le nuvole nel cielo terrestre, chi osserva le nebulose trova somiglianze tra queste nuvole cosmiche. Uno dei soprannomi di NGC 3324 è dunque la Nebulosa Gabriela Mistral, dal nome della poetessa cilena insignita del Premio Nobel [1]. Il margine della parete di gas e polvere sulla destra assomiglia molto ad un volto umano visto di profilo, con la sporgenza al centro che corrisponde al naso.

Le potenzialità del WFI del telescopio da 2,2 metri dell'MPG/ESO all'osservatorio di La Silla riescono a mettere in luce anche molte strutture scure in NGC 3324. Grani di polvere bloccano la luce dal gas di fondo rilucente, creando filigrane di ombre che aggiungono una suggestiva struttura alla prezioso panorama.

Anche lo sguardo acuto del Telescopio Spaziale Hubble si è posato su NGC 3324 nel passato. Hubble può cogliere dettagli più minuti rispetto al WFI, ma solo in un campo di vista molto più piccolo. I due strumenti usati in coppia forniscono sia la visione panoramica che il dettaglio dell'ingrandimento.

Note

[1] Ulteriori spiegazioni e immagini di confronto si trovano nel sito dell'astronomo dilettante Daniel Verschatse: http://www.verschatse.cl/nebulae/ngc3324/medium.htm.

Ulteriori Informazioni

Nel 2012 cade il 50o anniversario della fondazione dell'ESO (European Southern Observatory, o Osservatorio Australe Europeo).  L'ESO è la principale organizzazione intergovernativa di Astronomia in Europa e l'osservatorio astronomico più produttivo al mondo. È sostenuto da 15 paesi: Austria, Belgio, Brasile, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Gran Bretagna, Italia, Olanda, Portogallo, Repubblica Ceca, Spagna, Svezia, e Svizzera. L'ESO svolge un ambizioso programma che si concentra sulla progettazione, costruzione e gestione di potenti strumenti astronomici da terra che consentano agli astronomi di realizzare importanti scoperte scientifiche. L'ESO ha anche un ruolo di punta nel promuovere e organizzare la cooperazione nella ricerca astronomica. L'ESO gestisce tre siti osservativi unici al mondo in Cile: La Silla, Paranal e Chajnantor. Sul Paranal, l'ESO gestisce il Very Large Telescope, osservatorio astronomico d'avanguardia nella banda visibile e due telescopi per survey. VISTA, il più grande telescopio per survey al mondo, lavora nella banda infrarossa mentre il VST (VLT Survey Telescope) è il più grande telescopio progettato appositamente per produrre survey del cielo in luce visibile. L'ESO è il partner europeo di un telescopio astronomico di concetto rivoluzionario, ALMA, il più grande progetto astronomico esistente. L'ESO al momento sta progettando l'European Extremely Large Telescope o E-ELT (significa Telescopio Europeo Estremamente Grande), della classe dei 40 metri, che opera nell'ottico e infrarosso vicino e che diventerà "il più grande occhio del mondo rivolto al cielo".

Links

Contatti

Nicolas Cretton
ESO Science Outreach Network
Savosa, Switzerland
Tel.: +41 91 81 53 811
E-mail: eson-switzerland@eso.org

Richard Hook
ESO, La Silla, Paranal, E-ELT and Survey Telescopes Public Information Officer
Garching bei München, Germany
Tel.: +49 89 3200 6655
Cell.: +49 151 1537 3591
E-mail: rhook@eso.org

Questa è una traduzione del Comunicato Stampa dell'ESO eso1207.
Bookmark and Share

Sul Comunicato Stampa

Comunicato Stampa N":eso1207it-ch
Nome:Eta Carinae, NGC 3324
Tipo:• Milky Way : Nebula
Facility:MPG/ESO 2.2-metre telescope

Immagini

The star formation region NGC 3324
The star formation region NGC 3324
soltanto in inglese
The star formation region NGC 3324 in the constellation of Carina (The Keel)
The star formation region NGC 3324 in the constellation of Carina (The Keel)
soltanto in inglese
Immagine della Nebulosa della Carena dalla DSS2
Immagine della Nebulosa della Carena dalla DSS2

Video

Zooming in on the star formation region NGC 3324
Zooming in on the star formation region NGC 3324
soltanto in inglese

Vedere anche