Interferometria in piscina

Gli astronomi non nuotano sempre nella piscina della residenzia dell'osservarorio di Paranal, ma quando lo fanno, amano mostrare come funzionano i principi fisici. In questa fotografia l'astronomo francese Jean-Baptiste Le Bouquin sta dimostrando come le onde - non onde luminose, ma onde sull'acqua - possano combinarsi, o interferire, per creare onde più grandi. 

La combinazione di onde luminose è il principio fondamentale che sta dietro l'interferometro VLTI: le onde luminose catturate da ciascun dei quattro telescopi di 8 metri sono combinate usando una rete di canali e specchi. In questo modo la risoluzione spaziale del telescopio viene aumentata in modo significativo e, con un tempo di esposizione abbastanza lungo, le macchine fotografiche e gli strumenti possono arrivare ad un livello di dettaglio simile a quello che potrebbe essere ottenuto com uno specchio di 130 metri di diametro potrebbe, uno strumento molto di più grande di qualsiasi telescopio oggi esistente. 

Crediti:

ESO/M. Alexander 

A proposito dell'immagine

Identificazione:potw1404a
Lingua:it
Tipo:Fotografico
Data di pubblicazione:lunedì 27 gennaio 2014 10:00:00

A proposito delll'oggetto

Nome:Paranal Residencia
Tipo:• Unspecified : People : Scientist
• X - Paranal

Formati delle immagini

JPEG grande
6,1 MB

Zoom


Sfondi

1024x768
356,5 KB
1280x1024
542,7 KB
1600x1200
756,6 KB
1920x1200
893,3 KB
2048x1536
1,2 MB

 

Vedere anche