eso1729it-ch — Comunicato Stampa Scientifico

Un mondo infernale con cieli di titanio

Il VLT dell'ESO vede per la prima volta l'ossido di titanio in un esopianeta

13 Settembre 2017

Alcuni astronomi, usando il VLT dell'ESO, hanno trovato per la prima volta l'ossido di titanio nell'atmosfera di un esopianeta. La scoperta della molecola intorno al pianeta gioviano caldo, chiamato WASP-19b, è stata possibile grazie alle potenzialità dello strumento FORS2 che fornisce informazioni uniche sulla composizione chimica e sulla distribuzione di temperatura e pressione nell'atmosfera di questo mondo caldissimo e insolito. I risultati vengono pubblicati oggi dalla rivista Nature.

Un'equipe di astronomi, guidata da Elyar Sedaghati, borsista ESO e recentmente diplomato alla TU di Berlino, ha esaminato l'atmosfera dell'esopianeta WASP-19b in un dettaglio mai raggiunto prima. Questo notevole pianeta ha quasi la stessa massa di Giove, ma è così vicino alla sua stella madre che completa un'orbita in appena 19 ore e la sua temperatura raggiunge i 2000 gradi C.

Quando WASP-19b passa di fronte alla sua stella madre, parte della sua luce passa attraverso l'atmosfera del pianeta e lascia tenui impronte del suo passaggio nella luce che alla fine raggiunge la Terra. Usando lo strumento FORS2 installato sul VLT (Very Large Telescope) dell'ESO, l'equipe è stata in grado di analizzare in dettaglio questa luce e dedurre che l'atmosfera contiene piccole quantità di ossido di titanio, acqua e tracce di sodio, oltre a un caligine globale che diffonde la luce.

"Trovare queste molecole non è un compito semplice", spiega Elyar Sedaghati, che ha lavorato per due anni su questo progetto come studente all'ESO. "Non solo ci servono dati di qualità eccezionale, ma dobbiamo anche elaborarli con programmi sofisticati. Abbiamo usato un algoritmo che esplora milioni di spettri alla ricerca di un ampia gamma di composizioni chimiche, di temperature e di proprietà della caligine, prima di poter trarre le nostre conclusioni."

L'ossido di titanio è raro sulla Terra. Si sa che esiste nelle atmosfere delle stelle fredde. Nell'atmosfera di un pianeta caldo come WASP-19b agisce come assorbitore di calore. Se fossero presenti in quantità sufficiente, queste molecole impedirebbero al calore di entrare o di sfuggire attraverso l'atmosfera, portando all'effetto di inversione termica - la temperatura è più alta negli strati superiori dell'atmosfera e più bassa negli strati inferiori, l'opposto di quel che accade normalmente. L'ozono svolge un simile ruolo nell'atmosfera terrestre, causando l'inversione termica nella stratosfera.

"La presenza dell'ossido di titanio nell'atmosfera di WASP-19b può avere effetti importanti sulla struttura della temperatura e sulla circolazione atmosferica," spiega Ryan MacDonald, altro membro del gruppo e astronomo alla Cambridge University, Regno Unito. "Essere in grado di esaminare gli esopianeti a questo livello di dettaglio è promettente e molto emozionante." aggiunge Nikku Madhusudhan della Cambridge University che ha supervisionato l'interpretazione teorica delle osservazioni.

Gli astronomi hanno raccolto le osservazioni di WASP-19b per un periodo di più di un anno. Misurando le variazioni relative del raggio del pianeta a diverse lunghezze d'onda della luce che attraversa l'atmosfera del pianeta e confrontando le osservazioni con modelli di atmosfera hanno potuto derivare diverse proprietà, come il contenuto chimico, dell'atmosfera dell'esopianeta.

Questa nuova informazione sulla presenza di ossidi metallici come l'ossido di tianio e altre sostante permetterà modelli molto più precisi di atmosfere esoplanetarie. Guardando al futuro, quando gli astronomi saranno in grado di osservare le atmosfere di possibli pianeti abitabili, i modelli più raffinati permetteranno di capire meglio come interpretare le osservazioni.

"Questa importante scoperta è il risultato di una ristrutturazione dello strumento FORS2, pensato proprio per questo scopo," conclude Henri Boffin, dell'ESO e membro del gruppo, che ha guidato il progetto di ristrutturazione. "Da allora, FORS2 è diventato lo strumento più adatto per questo tipo di studi da terra."

Ulteriori Informazioni

Questo risultato è stato presentato nell'articolo intitolato “Detection of titanium oxide in the atmosphere of a hot Jupiter” di Elyar Sedaghati et. al. pubblicato dalla rivista Nature.

L'equipe è compsota da Elyar Sedaghati (ESO; Deutsches Zentrum für Luft- und Raumfahrt, Germania; and TU Berlin, Germania), Henri M.J. Boffin (ESO), Ryan J. MacDonald (Cambridge University, Regno Unito), Siddharth Gandhi (Cambridge University, Regno Unito), Nikku Madhusudhan (Cambridge University, Regno Unito), Neale P. Gibson (Queen’s University Belfast, Regno Unito), Mahmoudreza Oshagh (Georg-August-Universität Göttingen, Germania), Antonio Claret (Instituto de Astrofísica de Andalucía - CSIC, Spagna) e Heike Rauer (Deutsches Zentrum für Luft- und Raumfahrt, Germania e TU Berlin, Germania).

L'ESO (European Southern Observatory, o Osservatorio Australe Europeo) è la principale organizzazione intergovernativa di Astronomia in Europa e l'osservatorio astronomico più produttivo al mondo. È sostenuto da 16 paesi: Austria, Belgio, Brasile, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Italia, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Regno Unito, Repubblica Ceca, Spagna, Svezia, e Svizzera, oltre al paese che ospita l'ESO, il Cile. L'ESO svolge un ambizioso programma che si concentra sulla progettazione, costruzione e gestione di potenti strumenti astronomici da terra che consentano agli astronomi di realizzare importanti scoperte scientifiche. L'ESO ha anche un ruolo di punta nel promuovere e organizzare la cooperazione nella ricerca astronomica. L'ESO gestisce tre siti osservativi unici al mondo in Cile: La Silla, Paranal e Chajnantor. Sul Paranal, l'ESO gestisce il Very Large Telescope, osservatorio astronomico d'avanguardia nella banda visibile e due telescopi per survey. VISTA, il più grande telescopio per survey al mondo, lavora nella banda infrarossa mentre il VST (VLT Survey Telescope) è il più grande telescopio progettato appositamente per produrre survey del cielo in luce visibile. L'ESO è il partner principale di ALMA, il più grande progetto astronomico esistente. E sul Cerro Armazones, vicino al Paranal, l'ESO sta costruendo l'Extremely Large Telescope o ELT (significa Telescopio Estremamente Grande), un telescopio da 39 metri che diventerà "il più grande occhio del mondo rivolto al cielo".

La traduzione dall'inglese dei comunicati stampa dell'ESO è un servizio dalla Rete di Divulgazione Scientifica dell'ESO (ESON: ESO Science Outreach Network) composta da ricercatori e divulgatori scientifici da tutti gli Stati Membri dell'ESO e altri paesi. Il nodo italiano della rete ESON è gestito da Anna Wolter.

Links

Contatti

Elyar Sedaghati
ESO Fellow
Vitacura, Santiago, Chile
Tel.: +56 2 2463 6537
E-mail: esedagha@eso.org

Henri Boffin
ESO
Garching bei München, Germany
Tel.: +49 89 3200 6542
E-mail: hboffin@eso.org

Richard Hook
ESO Public Information Officer
Garching bei München, Germany
Tel.: +49 89 3200 6655
Cell.: +49 151 1537 3591
E-mail: rhook@eso.org

Connect with ESO on social media

Questa è una traduzione del Comunicato Stampa dell'ESO eso1729.

Sul Comunicato Stampa

Comunicato Stampa N":eso1729it-ch
Nome:WASP-19b
Tipo:Milky Way : Star : Circumstellar Material : Planetary System
Facility:Very Large Telescope

Immagini

Rappresentazione artistica dell'esopianeta WASP-19b
Rappresentazione artistica dell'esopianeta WASP-19b
Infografica sul cammino della luce stellare che attraversa l'atmosfera di WASP-19b
Infografica sul cammino della luce stellare che attraversa l'atmosfera di WASP-19b
La stella WASP-19 nella costellazione della Vela
La stella WASP-19 nella costellazione della Vela

Video

ESOcast 126 Light: Titanium oxide in exoplanetary atmosphere (4K UHD)
ESOcast 126 Light: Titanium oxide in exoplanetary atmosphere (4K UHD)
soltanto in inglese
In volo dalla Terra fino alla stella WASP-19 nella costellazione della Vela
In volo dalla Terra fino alla stella WASP-19 nella costellazione della Vela
La luce che attraversa l'atmosfera di WASP-19b
La luce che attraversa l'atmosfera di WASP-19b

Vedere anche