eso1707it — Foto Comunicato Stampa

Una galassia presa al fianco

01 Marzo 2017

Questa variopinta striscia di stelle, gas e polvere è in realtà una galassia a spirale, di nome NGC 1055. Catturata dal VLT (Very Large Telescope) dell'ESO, questa grande galassia è circa il 15% più grande della Via Lattea. NGC 1055 non mostra i caratteristici bracci vorticosi di una spirale, perchè è vista di taglio. Sono visibili comunque strani intrecci nella struttura, causati probabilmente dall'interazione con una grande galassia vicina.

Le varie galassie a spirale sparse nell'Universo possono essere orientate in una direzione qualsiasi rispetto alla Terra. Ne vediamo qualcuna dall'alto, per così dire, o più tecnicamente "di faccia" - come per esempio la galassia a vortice NGC 1232. Le galassie così orientate mostrano chiaramente i bracci fluenti e il nucleo brillante con preziosi dettagli, ma rendono difficile apprezzarne la forma tridimensionale.

Vediamo altre galassie, come per esempio NGC 3521, sotto diverse angolazioni. Questi oggetti un pò inclinati iniziano a rivelare la loro struttura tridimensionale al di là dei bracci a spirale, ma comprendere chiaramente la disposizione volumetrica di una galassia a spirale richiede una vista di taglio - dal fianco della galassia - come questa di NGC 1055.

Quando le vediamo di taglio, possiamo ottenere una visione d'insieme di come le stelle - sia le regioni di nuova formazione stellare che le popolazioni più antiche - sono distribuite nella galassia, e apprezzare l'altezza del disco relativamente sottile e la dimensione del rigonfiamento centrale, zeppo di stelle. La materia si distribuisce allontandosi dal piano galattico, luminoso e quasi accecante, diventando a mano a mano osservabile più chiaramente sullo sfondo scuro del cosmo.

Una prospettiva di questo tipo permette agli astronomi di studiare la forma complessiva del disco esteso di una galassia e di studiarne le proprietà, come per esempio la distorsione, una delle caratteristiche che troviamo in NGC 1055. La galassia mostra regioni di particolare torsione e disordine nel disco, probabilmente dovute all'interazione con la vicina galassia Messier 77 (eso0319) [1]. La distorsione è visibile nell'immagine: il disco di NGC 1055 è leggermente deformato e sembra ondulato all'aitezza del nucleo.

NGC 1055 si trova a circa 55 milioni di anni luce da noi, nella costellazione della Balena. L'immagine qui mostrata è stata ottenuta dallo strumento FORS2 (FOcal Reducer and low dispersion Spectrograph 2) montato sull'UT1 (Unit Telescope 1: Antu) del VLT all'Osservatorio dell'ESO al Paranal in Cile. Proviene dal programma Gemme Cosmiche dell'ESO, un'iniziativa di divulgazione che produce immagini di oggetti belli e scientificamente interessanti usando i telescopi dell'ESO a scopi educativi.

Note

[1] Messier 77, nota anche come NGC 1068, ha una regione centrale molto brillante alimentata da un buco nero supermassiccio. È uno degli esempi più vicini di ciò che gli astronomi chiamano galassia attiva.

Ulteriori Informazioni

L'ESO (European Southern Observatory, o Osservatorio Australe Europeo) è la principale organizzazione intergovernativa di Astronomia in Europa e l'osservatorio astronomico più produttivo al mondo. È sostenuto da 16 paesi: Austria, Belgio, Brasile, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Italia, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Regno Unito, Repubblica Ceca, Spagna, Svezia, e Svizzera, oltre al paese che ospita l'ESO, il Cile. L'ESO svolge un ambizioso programma che si concentra sulla progettazione, costruzione e gestione di potenti strumenti astronomici da terra che consentano agli astronomi di realizzare importanti scoperte scientifiche. L'ESO ha anche un ruolo di punta nel promuovere e organizzare la cooperazione nella ricerca astronomica. L'ESO gestisce tre siti osservativi unici al mondo in Cile: La Silla, Paranal e Chajnantor. Sul Paranal, l'ESO gestisce il Very Large Telescope, osservatorio astronomico d'avanguardia nella banda visibile e due telescopi per survey. VISTA, il più grande telescopio per survey al mondo, lavora nella banda infrarossa mentre il VST (VLT Survey Telescope) è il più grande telescopio progettato appositamente per produrre survey del cielo in luce visibile. L'ESO è il partner principale di ALMA, il più grande progetto astronomico esistente. E sul Cerro Armazones, vicino al Paranal, l'ESO sta costruendo l'European Extremely Large Telescope o E-ELT (significa Telescopio Europeo Estremamente Grande), un telescopio da 39 metri che diventerà "il più grande occhio del mondo rivolto al cielo".

La traduzione dall'inglese dei comunicati stampa dell'ESO è un servizio dalla Rete di Divulgazione Scientifica dell'ESO (ESON: ESO Science Outreach Network) composta da ricercatori e divulgatori scientifici da tutti gli Stati Membri dell'ESO e altri paesi. Il nodo italiano della rete ESON è gestito da Anna Wolter.

Links

Contatti

Anna Wolter
INAF - Osservatorio Astronomico di Brera
Milano, ITALY
Tel.: +39-02-72320321
E-mail: anna.wolter@brera.inaf.it

Richard Hook
ESO Public Information Officer
Garching bei München, Germany
Tel.: +49 89 3200 6655
Cell.: +49 151 1537 3591
E-mail: rhook@eso.org

Connect with ESO on social media

Questa è una traduzione del Comunicato Stampa dell'ESO eso1707.

Sul Comunicato Stampa

Comunicato Stampa N":eso1707it
Nome:NGC 1055
Tipo:Milky Way : Galaxy : Type : Spiral
Facility:Very Large Telescope

Immagini

La galassia di taglio NGC 1055
La galassia di taglio NGC 1055
I dintorni della galassia di taglio NGC 1055
I dintorni della galassia di taglio NGC 1055
La galassia spirale NGC 1055 nella costellazione della Balena
La galassia spirale NGC 1055 nella costellazione della Balena

Video

ESOcast 98 "in pillole": Una galassia presa al fianco (4K UHD)
ESOcast 98 "in pillole": Una galassia presa al fianco (4K UHD)
Zoom sulla galassia vista di taglio NGC 1055
Zoom sulla galassia vista di taglio NGC 1055
Panoramica di una nuova immagine di NGC 1055
Panoramica di una nuova immagine di NGC 1055

Vedere anche