Kids

eso1115it-ch — Foto Comunicato Stampa

Due vedute di una galassia sbilenca

04 maggio 2011

La galassia NGC 2442, che assomiglia ad un gancio da macellaio (da cui il soprannome inglese “Meathook”) è veramente sbilenca. Uno dei bracci a spirale, dimora di una recente supernova, è ripiegato su se stesso, mentre l’altro, punteggiato da episodi di formazione stellare recente, si allunga lontano dal nucleo. Il telescopio dell’MPG/ESO da 2,2 metri e il telescopio spaziale Hubble della NASA/ESA hanno catturato due diverse panoramiche di questa galassia a spirale asimmetrica.

La galassia NGC 2442, detta “Gancio da Macellaio”, nella costellazione del Pesce Volante, si distingue molto bene a causa dei suoi bracci asimmetrici. L’aspetto sbilenco della galassia è probabilmente dovuto all’interazione gravitazionale con un’altra galassia ad un certo punto della sua storia – anche se gli astronomi non sono stati finora in grado di identificare il colpevole con sicurezza.

Questa immagine a grande campo, ottenuta con lo strumento WFI (Wide Field Imager) dell’MPG/ESO da 2,2 metri a La Silla in Cile, mostra molto bene la forma a doppio uncino che dà alla galassia il suo soprannome. Si vedono anche diverse galassie vicine a NGC 2442 e molte altre più lontane che formano un pregevole sfondo. Anche se il WFI, da terra, non raggiunge la nitidezza delle immagini del telescopio spaziale Hubble, può osservare in un sol colpo una zona più ampia del cielo. I due strumenti spesso forniscono agli astronomi informazioni complementari.

Un primo piano ottenuto dal telescopio spaziale Hubble della NASA/ESA (eso1115b) si concentra  sul nucleo della galassia e sul più compatto dei due bracci a spirale. Nel 1999, una stella massiccia è esplosa alla termine della propria esistenza, diventando una supernova. Confrontando precedenti osservazioni da terra, le immagini di Hubble del 2001 e queste della fine del 2006, gli astronomi sono stati in grado di studiare in dettaglio cosa è successo alla stella negli ultimi momenti di vita. Quando è stata ottenuta questa immagine la supernova era già spenta e non è quindi visible.

Le osservazioni dell’ESO, diversamente da quelle di Hubble, evidenziano anche l’altra estremità del ciclo della vita delle stelle. Lungo gran parte della galassia, e in particolare nel braccio a spirale più esteso, appaiono macchie rosa e rosse. Tale colore è dovuto all’idrogeno gassoso nelle zone di formazione stellare: la radiazione molto energetica prodotta dalle stelle neonate eccita il gas che forma la nube in cui sono nate, che di conseguenza risplende di rosso.

L’interazione con un’altra galassia che ha dato a NGC 2442 la sua forma asimmetrica ha probabilmente contribuito anche a innescare questo episodo recente di formazione stellare. Le stesse forze di marea che hanno deformato la galassia hanno anche disgregato le nubi di gas e dato inizio al loro collasso gravitazionale.

Ulteriori Informazioni

L’ESO (European Southern Observatory) è la principale organizzazione intergovernativa di Astronomia in Europa e l’osservatorio astronomico più produttivo al mondo. È sostenuto da 15 paesi: Austria, Belgio, Brasile, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Gran Bretagna, Italia, Olanda, Portogallo, Repubblica Ceca, Spagna, Svezia, e Svizzera. L’ESO svolge un ambizioso programma che si concentra sulla progettazione, costruzione e gestione di potenti strumenti astronomici da terra che consentano agli astronomi di realizzare importanti scoperte scientifiche. L’ESO ha anche un ruolo di punta nel promuovere e organizzare la cooperazione nella ricerca astronomica. L’ESO gestisce tre siti osservativi unici al mondo in Cile: La Silla, Paranal e Chajnantor. Sul Paranal, l’ESO gestisce il Very Large Telescope, osservatorio astronomico d’avanguardia nella banda visibile. L’ESO è il partner europeo di un telescopio astronomico di concetto rivoluzionario, ALMA, il più grande progetto astronomico esistente. L’ESO al momento sta progettando l’European Extremely Large Telescope o E-ELT (significa Telescopio Europeo Estremamente Grande), di 42 metri, che opera nell'ottico e infrarosso vicino e che diventerà “il più grande occhio del mondo rivolto al cielo”.

Links

Contatti

Nicolas Cretton
ESO Science Outreach Network
Savosa, Switzerland
Tel.: +41 91 81 53 811
E-mail: nicolas.cretton@edu.ti.ch

Richard Hook
ESO, La Silla, Paranal, E-ELT and Survey Telescopes Public Information Officer
Garching bei München, Germany
Tel.: +49 89 3200 6655
E-mail: rhook@eso.org

Oli Usher
Hubble/ESA
Garching bei München, Germany
Tel.: +49 89 3200 6855
E-mail: ousher@eso.org

Questa è una traduzione del Comunicato Stampa dell'ESO eso1115.

Sul Comunicato Stampa

Comunicato Stampa N":eso1115it-ch
Nome:NGC 2442
Tipo:• Local Universe : Galaxy : Type : Spiral
Facility:Hubble Space Telescope,MPG/ESO 2.2-metre telescope

Immagini

Wide-field view of the Meathook Galaxy
Wide-field view of the Meathook Galaxy
soltanto in inglese
Hubble image of the Meathook Galaxy
Hubble image of the Meathook Galaxy
soltanto in inglese
Wide-field view of the sky around the Meathook Galaxy
Wide-field view of the sky around the Meathook Galaxy
soltanto in inglese
The Meathook Galaxy, NGC 2442, in the constellation of Volans
The Meathook Galaxy, NGC 2442, in the constellation of Volans
soltanto in inglese

Video

Zooming in on the Meathook Galaxy
Zooming in on the Meathook Galaxy
soltanto in inglese
Panning across the Meathook Galaxy
Panning across the Meathook Galaxy
soltanto in inglese

Vedere anche