eso1704it-ch — Comunicato Stampa Organizzazione

Firmati alcuni contratti per specchi e sensori di ELT

18 Gennaio 2017

Oggi si è svolta una cerimonia al Quartier Generale dell'ESO per firmare quattro contratti per alcune delle componenti principali dell'ELT (Extremely Large Telescope) che l'ESO sta costruendo. In particolare: per la fusione di due giganteschi specchi del telescopio, il secondario e il terziario, alla ditta SCHOTT; per la fornitura delle celle per il supporto degli specchi, al gruppo SENER; per la fornitura dei sensori di prossimità, che formano parte vitale del sistema di controllo dell'enorme specchio primario segmentato di ELT, al consorzio FAMES. Lo specchio secondario sarà il più grande mai usato su un telescopio e il più grande specchio convesso mai prodotto.

La costruzione dell'ELT da 39 metri, il più grande telescopio del mondo che opera nell'ottico e vicino-infrarosso, sta progredendo. Il gigantesco telescopio si avvale di un sistema ottico complesso da cinque specchi che non è mai stato impiegato prima e richiede elementi ottici e meccanici che spingono al limite la tecnologia moderna.

I contratti per la produzione di alcune di queste impegnative componenti del telescopio sono stati appena firmati dal Direttore Generale dell'ESO, Tim de Zeeuw, e dai rappresentanti delle tre imprese industriali provenienti dagli Stati Membri dell'ESO.

All'apertura della cerimonia, Tim de Zeeuw ha esordito: "È un grande piacere per me firmare oggi questi quattro contratti, ciascuno per un componente avanzato al cuore del sistema ottico rivoluzionario di ELT, che sottolineano come la costruzione di questo gigantesco telescopio stia procedendo speditamente - in tempo utile per la prima luce nel 2024. All'ESO non vediamo l'ora di lavorare con SCHOTT, SENER e FAMES — i tre principali partner industriali dei nostri Stati Membri."

Il primi due contratti, con SCHOTT, sono stati firmati da Christoph Fark, Vice Presidente Esecutivo, per la fusione dei più grandi specchi singoli dell'ELT - il secondario da 4,2 metri di diametro e il terziario da 3,8 - con il materiale ceramico a bassa dilatazione termica Zerodur© della SCHOTT [1].

Sospeso a testa in giù in cima alla struttura del telescopio, al di sopra del primario da 39 metri di diametro, lo specchio secondario sarà il più grande mai utilizzato in un telescopio e il più grande specchio convesso mai prodotto [2]. Il terziaro concavo è un'altra struttura insolita nel telescopio [3]. Il secondario e il terziario di ELT, del peso di circa 3,5 e 3,2 tonnellate rispettivamente, competono per dimensione con gli specchi primari di molti telescopi odierni [4]. La consegna del secondario è prevista per la fine del 2018 e quella del terziario per luglio 2019.

Il terzo contratto, con il gruppo SENER, è stato firmato da Diego Rodríguez, Direttore del dipartimento spaziale. Copre la fornitura delle sofisticate celle di supporto del secondario e terziario dell'ELT e dei complessi sistemi di ottica attiva a essi associati, che assicureranno che questi specchi, massicci ma flessibili, mantengano la forma corretta e siano accuratamente posizionati all'interno del telescopio. La precisione è fondamentale se il telescopio deve produrre immagini di altissima qualità [5].

Il quarto contratto è stato firmato da Didier Rozière, Amministratore Delegato di FAMES,Fogale e Martin Sellen, Amministratore Delegato di FAMES,Micro-Epsilon, per conto del consorzio FAMES, composto appunto da Fogale e Micro-Epsilon. Il contratto copre la produzione di un totale di 4609 sensori di prossimità per i 798 segmenti esagonali dello specchio primario di ELT [6].

I sensori sono i più accurati mai utilizzati per un telescopio e possono misurare posizioni relative con un'accuratezza di pochi nanometri. Costituiscono una parte fondamentale del sistema complesso che continuamente verifica l'ubicazione dei vari segmenti dello specchio primario di ELT rispetto ai propri vicini e permette ai segmenti di lavorare insieme per formare un perfetto sistema ottico. È una sfida enorme non solo costruire i sensori con la precisione necessaria, ma anche produrli abbastanza rapidamente per consegnarne migliaia nei brevi tempi previsti.

Alla cerimonia erano presenti anche altri rappresentanti di alto livello delle aziende coinvolte e dell'ESO. È stata un'opportunità fantastica per tutti i rappresentanti dei vari contraenti che producono molti dei componenti ottici e meccanici del gigantesco telescopio per incontrarsi e conoscersi in modo informale mentre iniziano a creare il più grande occhio del mondo rivolto al cielo.

Note

[1] Lo Zerodur è stato sviluppato originariamente per i telescopi astronomici alla fine del 1960. Ha un'espansione termica praticamente nulla, il che significa che il materiale non si espande anche in caso di grandi variazioni della temperatura. Chimicamente, il materiale è molto resistente e può essere lucidato a un alto livello di finitura. Lo strato riflettente, di alluminio o argento, è solitamente deposto per  vaporizzazione sulla superficie estremamente liscia poco prima di mettere in funzione il telescopio. Molti  telescopi famosi equipaggiati con specchi Zerodur sono in operazione da decenni in modo affidabile. Tra questi, per esempio, il VLT (Very Large Telescope) dell'ESO in Cile.

[2] Poichè è uno specchio asferico, altamente convesso, la costruzione del secondario è una vera sfida e il risultato sarà un esempio davvero notevole di ingegneria ottica di precisione. Come per molti elementi dell'ELT rappresenterà un vero primato in questo settore tecnologico. Il peso totale dello specchio secondario e del suo sistema di supporto è di 12 tonnellate - e, dal momento che sovrasta il primario, si devono prendere grandi precauzioni per evitare che possa cadere!

[3] La maggior parte dei grandi telescopi odierni, tra cui il VLT e il telescopio spaziale Hubble della NASA/ESA, utilizzano solo due specchi curvi per formare l'immagine. In questi casi viene a volte introdotto uno specchio terziario per deviare la luce su un fuoco più adatto - ma in questo caso lo specchio è tipicamente piccolo e piatto. Invece, nell'ELT anche il terziario ha una superficie curva, in quanto l'uso di tre specchi fornisce una migliore qualità dell'immagine finale su un campo visivo più ampio di quanto sarebbe possibile con un sistema a soli due specchi.

[4] Il contratto per la lucidatura dello specchio secondario è già stato assegnato.

[5] Le celle di M2 e M3 sono meccanismi complessi di larghezza superiore a 6,5 ​​metri e del peso di quasi 12 tonnellate, inclusi gli specchi stessi. Esse forniscono funzionalità di allineamento e di inseguimento per mezzo di una struttura esapode di alta precisione con un'accuratezza assoluta di decine di micrometri. Le celle compensano anche le deformazioni dello specchio, nell'ordine delle decine di nanometri, mediante una soluzione innovativa che utilizza come attuatori dei cavetti pretensionati con supporti laterali che modificano localmente la forma dello specchio.

[6] Per ora ne sono stati ordinati 3288 (per la Fase 1 di ELT) e altri 1320 saranno inclusi nella Fase 2 di ELT, per un totale di 4608.

Ulteriori Informazioni

L'ESO (European Southern Observatory, o Osservatorio Australe Europeo) è la principale organizzazione intergovernativa di Astronomia in Europa e l'osservatorio astronomico più produttivo al mondo. È sostenuto da 16 paesi: Austria, Belgio, Brasile, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Italia, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Regno Unito, Repubblica Ceca, Spagna, Svezia, e Svizzera, oltre al paese che ospita l'ESO, il Cile. L'ESO svolge un ambizioso programma che si concentra sulla progettazione, costruzione e gestione di potenti strumenti astronomici da terra che consentano agli astronomi di realizzare importanti scoperte scientifiche. L'ESO ha anche un ruolo di punta nel promuovere e organizzare la cooperazione nella ricerca astronomica. L'ESO gestisce tre siti osservativi unici al mondo in Cile: La Silla, Paranal e Chajnantor. Sul Paranal, l'ESO gestisce il Very Large Telescope, osservatorio astronomico d'avanguardia nella banda visibile e due telescopi per survey. VISTA, il più grande telescopio per survey al mondo, lavora nella banda infrarossa mentre il VST (VLT Survey Telescope) è il più grande telescopio progettato appositamente per produrre survey del cielo in luce visibile. L'ESO è il partner principale di ALMA, il più grande progetto astronomico esistente. E sul Cerro Armazones, vicino al Paranal, l'ESO sta costruendo l'European Extremely Large Telescope o E-ELT (significa Telescopio Europeo Estremamente Grande), un telescopio da 39 metri che diventerà "il più grande occhio del mondo rivolto al cielo".

La traduzione dall'inglese dei comunicati stampa dell'ESO è un servizio dalla Rete di Divulgazione Scientifica dell'ESO (ESON: ESO Science Outreach Network) composta da ricercatori e divulgatori scientifici da tutti gli Stati Membri dell'ESO e altri paesi. Il nodo italiano della rete ESON è gestito da Anna Wolter.

Links

Contatti

Richard Hook
ESO Public Information Officer
Garching bei München, Germany
Tel.: +49 89 3200 6655
Cell.: +49 151 1537 3591
E-mail: rhook@eso.org

Connect with ESO on social media

Questa è una traduzione del Comunicato Stampa dell'ESO eso1704.

Sul Comunicato Stampa

Comunicato Stampa N":eso1704it-ch
Nome:Extremely Large Telescope
Tipo:Unspecified : Technology : Observatory : Telescope

Immagini

Il sistema ottico dell'ELT con l'ubicazione degli specchi
Il sistema ottico dell'ELT con l'ubicazione degli specchi
Firma dei contratti con SCHOTT per la fusione degli specchi M2 e M3 per l'ELT
Firma dei contratti con SCHOTT per la fusione degli specchi M2 e M3 per l'ELT
Firma del contratto con SENER per le celle degli specchi M2 e M3 per l'ELT
Firma del contratto con SENER per le celle degli specchi M2 e M3 per l'ELT
Firma del contratto con FAMES per i sensori di prossimita'  per lo specchio primario dell'ELT
Firma del contratto con FAMES per i sensori di prossimita' per lo specchio primario dell'ELT
Cerimonia per la firma dei contratti per gli specchi M2 e M3 dell'ELT
Cerimonia per la firma dei contratti per gli specchi M2 e M3 dell'ELT
Cerimonia per la firma del contratto per le celle degli specchi M2 e M3 dell'ELT
Cerimonia per la firma del contratto per le celle degli specchi M2 e M3 dell'ELT
Cerimonia per la firma del contratto per i sensori di prossimita' per lo specchio M1 dell'ELT
Cerimonia per la firma del contratto per i sensori di prossimita' per lo specchio M1 dell'ELT
Participants in the ELT contract signature ceremony at ESO Headquarters
Participants in the ELT contract signature ceremony at ESO Headquarters
soltanto in inglese
Il sistema ottico dell'ELT con l'ubicazione degli specchi
Il sistema ottico dell'ELT con l'ubicazione degli specchi

Video

ESOcast 93 "in pillole": partono i contratti per gli specchi e i sensori del piu' grande occhio rivolto al cielo
ESOcast 93 "in pillole": partono i contratti per gli specchi e i sensori del piu' grande occhio rivolto al cielo

Vedere anche