ann16062-it — Annuncio

Annunciati i vincitori del concorso Insight Astronomy Photographer of the Year 2016

16 Settembre 2016

I vincitori del concorso Insight Astronomy Photographer of the Year 2016 sono stati annunciati durante la cerimonia di premiazione che si è tenuta il 15 settembre 2016 presso il Royal Observatory di Greenwich. Le fotografie vincitrici verranno esposte al Centro Astronomico dell’osservatorio dal 17 settembre 2016 al 28 giugno 2017. L’ESO ha aderito al concorso in veste di partner, fornendo un giudice scelto tra il personale del Dipartimento di Formazione e Divulgazione (ePOD).

Il vincitore assoluto del concorso Insight Astronomy Photographer of the Year 2016 è il fotografo cinese Yu Jun, che incassa un premio di 10 000 sterline. La fotografia vincente ritrae i grani di Baily osservati durante l’eclissi totale di Sole avvenuta il 9 marzo. Il fenomeno, della durata di pochi minuti, è stato catturato da Luwuk, in Indonesia.

Qui di seguito i vincitori di tutte le varie categorie:

Il Sole

  • Yu Jun (Cina) con Baily’s Beads (vincitore della categoria e vincitore assoluto)
  • Catalin Beldea e Alson Wong (Romania; Stati Uniti) con Sun Flower Corona (secondo classificato)
  • Gabriel Octavian Corban (Romania) con Huge Filaprom (menzione speciale)

Aurore

  • György Soponyai (Ungheria) con Twilight Aurora (vincitore)
  • Kolbein Svensson (Norvegia) con Black and White Aurora (secondo classificato)
  • Bernt Olsen (Norvegia) con Corona (menzione speciale)

Galassie

  • Nicolas Outters (Francia) con M94: Deep Space Halo (vincitore)
  • Ignacio Diaz Bobillo (Argentina) con Towards the Small Magellanic Cloud (secondo classificato)
  • Rolf Wahl Olsen (Danimarca) con Antlia Galaxy Cluster: Extreme Deep Field, 152 Hours (menzione speciale)

La Luna

  • Jordi Delpeix Borrell (Spagna) con From Maurolycus to Moretus (vincitore)
  • Katherine Young (Svezia) con Rise Lunation (secondo classificato)
  • Sergio Garcia (Messico) con Moonrise at the Pier (menzione speciale)

Persone e spazio

  • Wing Ka Ho (Hong Kong) con City Lights (vincitore)
  • Dani Caxete (Spagna) con Man on the Moon (secondo classificato)
  • Robin Stuart (Kenya) con A Wise Son Makes a Glad Father (menzione speciale)

Pianeti, comete e asteroidi

  • Damian Peach (Regno Unito) con Serene Saturn (vincitore)
  • Gerald Rhemann (Austria) con Comet Catalina (secondo classificato)
  • Damian Peach (Regno Unito) con King of the Planets (menzione speciale)

Panorami del cielo

  • Ainsley Bennett (Regno Unito) con Binary Haze (vincitore)
  • Mikko Silvola (Finlandia) con Silent Waves of the Sky: Noctilucent Clouds (secondo classificato)
  • Yu Jun (Cina) con Geminids over the LAMOST Telescope (menzione speciale)

Stelle e nebulose

  • Steve Brown (Regno Unito) con The Rainbow Star (vincitore)
  • Pavel Pech (Repubblica Ceca) with Perseus Molecular Cloud (secondo classificato)
  • Tom O’Donoghue (Irlanda) with Starlight and Silhouettes (menzione speciale)

Giovane fotografo astronomico dell’anno

  • Brendan Devine (Stati Uniti — età: 15 anni) con Lunar Reversal (vincitore)
  • Jasmin Villalobos (Stati Uniti — età: 15 anni) con What the City Does Not Show You (secondo classificato)
  • Jonathan Farooqi (Regno Unito — età: 15 anni) con Northumbrian Aurora (menzione speciale)
  • Olivia Williamson (Regno Unito — età: 12 anni) con Jupiter (menzione speciale)
  • Scott Carnie-Bronca (Australia — età: 14 anni) con Just Missed the Bullseye (menzione speciale)

Premio speciale: Premio Sir Patrick Moore al miglior esordiente

  • Carlos Fairbairn (Brasile) con Large Magellanic Cloud (vincitore)

Premio speciale: Robotic Scope (per fotografie scattate con un telescopio robotico a controllo remoto)

  • Robert Smith (Regno Unito) con Iridis (vincitore)

Insight Astronomy Photographer of the Year è un concorso organizzato dal Royal Observatory di Greenwich in collaborazione con Insight Investment e BBC Sky at Night Magazine. Giunto alla sua ottava edizione, il concorso ha registrato un numero record di 4500 foto inviate da più di 80 Paesi.

Ulteriori informazioni

L'ESO (European Southern Observatory, o Osservatorio Australe Europeo) è la principale organizzazione intergovernativa di Astronomia in Europa e l'osservatorio astronomico più produttivo al mondo. È sostenuto da 16 paesi: Austria, Belgio, Brasile, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Italia, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Regno Unito, Repubblica Ceca, Spagna, Svezia, e Svizzera, oltre al paese che ospita l'ESO, il Cile. L'ESO svolge un ambizioso programma che si concentra sulla progettazione, costruzione e gestione di potenti strumenti astronomici da terra che consentano agli astronomi di realizzare importanti scoperte scientifiche. L'ESO ha anche un ruolo di punta nel promuovere e organizzare la cooperazione nella ricerca astronomica. L'ESO gestisce tre siti osservativi unici al mondo in Cile: La Silla, Paranal e Chajnantor. Sul Paranal, l'ESO gestisce il Very Large Telescope, osservatorio astronomico d'avanguardia nella banda visibile e due telescopi per survey. VISTA, il più grande telescopio per survey al mondo, lavora nella banda infrarossa mentre il VST (VLT Survey Telescope) è il più grande telescopio progettato appositamente per produrre survey del cielo in luce visibile. L'ESO è il partner principale di ALMA, il più grande progetto astronomico esistente. E sul Cerro Armazones, vicino al Paranal, l'ESO sta costruendo l'European Extremely Large Telescope o E-ELT (significa Telescopio Europeo Estremamente Grande), un telescopio da 39 metri che diventerà "il più grande occhio del mondo rivolto al cielo".

Il Royal Observatory di Greenwich è la sede del Greenwich Mean Time e del Meridiano Fondamentale ed è uno dei più importanti siti scientifici storici del mondo. Fin dalla sua fondazione nel 1675, Greenwich è stato al centro delle misure di tempo e spazio. Oggi le gallerie dell'Osservatorio e il Planetario Peter Harrison aiutano a svelare gli straordinari fenomeni del tempo, dello spazio e dell'astronomia. Il Royal Observatory di Greenwich fa parte dei Royal Museums di Greenwich che include anche il National Maritime Museum, la Queen’s House del 17esimo secolo e il Cutty Sark. Il Royal Museums Greenwich si adopera al fine di illustrare a tutti l'importanza del mare, delle navi, del tempo e delle stelle e le loro relazioni con le persone. Questa collezione unica di attrazioni, che forma una parte fondamentale del Maritime Greenwich UNESCO World Heritage Site, accoglie oltre due milioni di visitatori inglesi e internazionali ogni anno ed è anche un importante centro di formazione e ricerca. Per maggiori informazioni si veda www.rmg.co.uk.

Insight Investment è un’importante società di gestione patrimoniale specializzata nella progettazione di soluzioni di investimento volte a soddisfare le esigenze dei clienti. Fondato nel 2002, l'approccio di Insight, basato sul partenariato, ha prodotto sia un rendimento degli investimenti che una crescita impressionante del patrimonio gestito. Insight gestisce 400 miliardi di sterline (605 miliardi di dollari) tra investimenti liability-driven, fixed income & currency, soluzioni multi-asset globali e a ritorno assoluto, investimenti in terreni agricoli a livello globale e specialist equities. Insight appartiene a BNY Mellon, leader globale nella gestione degli investimenti e nei servizi di investimento con $1,6 trillioni di patrimonio gestito al 30 settembre 2015. Il valore degli investimenti e ogni profitto derivante da essi oscilla e non è garantito (questo può essere in parte dovuto alle fluttuazioni del tasso di cambio). Gli investitori potrebbero non riavere indietro l'intera somma investita. I risultati passati non costituiscono una guida per quelli futuri. Maggiori informazioni su Insight Investment si possono trovare su: www.insightinvestment.com

BBC Sky at Night Magazine è diventato il titolo astronomico con maggiori vendite in Inghilterra fin dal suo lancio nel 2005, con 25 000 abbonati e vendite medie di 7500 copie al mese. skyatnightmagazine.com ha 33 000 utenti al mese e raggiunge più di 32 000 followers sui social media tra Facebook e Twitter. La rivista è anche disponibile su iTunes Newsstand, Google Play e Zinio, ed è media partner del concorso annuale Insight Astronomy Photographer of the Year, gestito dal Royal Observatory di Greenwich. Ricco di articoli dei più importanti astronomi e scrittori del mondo, BBC Sky at Night Magazine funge da complemento a uno dei più longevi programmi TV del mondo, The Sky at Night, e regolarmente pubblica articoli dei suoi conduttori Chris Lintott, Maggie Aderin-Pocock, Pete Lawrence e Paul Abel, oltre a recensioni approfondite di strumenti e consigli per l’osservazione delle stelle. A ogni edizione è anche allegato un disco con l'ultimo episodio di The Sky At NightBBC Sky at Night Magazine è pubblicata da Immediate Media Co su licenza di BBC Worldwide. Seguiteci su @skyatnightm

Links

Contatti

Rhianon Davies
Royal Observatory Greenwich Press Office
Tel: 020 8312 6545/6789/6790 
Mobile: 07983 512 841 
Email: rdavies@rmg.co.uk

Oana Sandu
Community Coordinator & Communication Strategy Officer
ESO education and Public Outreach Department
Tel: +49 89 320 069 65
Email: osandu@partner.eso.org

A proposito dell'annuncio

Identificazione:ann16062

Immagini

Insight Astronomy Photographer of the Year award ceremony
Insight Astronomy Photographer of the Year award ceremony
soltanto in inglese