eso1828it — Foto Comunicato Stampa

Stelle e polvere nella Nebulosa della Carena

Lo sguardo infrarosso di VISTA contempla una delle più grandi nebulose della Via Lattea

29 Agosto 2018

La Nebulosa Carena, una delle nebulose più grandi e luminose del cielo notturno, è stata ritratta con magnificenza dal telescopio VISTA dell'ESO all'Osservatorio di Paranal in Cile. Osservando in luce infrarossa, VISTA ha sbirciato attraverso il gas caldo e la polvere scura che avvolgono la nebulosa per mostrarci una miriade di stelle, dalle neonate alle più vecchie ormai nelle fasi finali di vita.

A circa 7500 anni luce di distanza da noi, nella costellazione della Carena, giace una nebulosa all'interno della quale le stelle si formano e muoiono fianco a fianco. Modellata da questi eventi drammatici, la Nebulosa della Carena è una nube di gas interstellare e polvere sottilissimi dinamica e in evoluzione.

Le stelle massicce all'interno di questa bolla cosmica emettono radiazioni intense che fanno brillare il gas circostante. Al contrario, altre regioni della nebulosa contengono colonne scure di polvere che avvolgono le stelle appena nate. C'è una battaglia tra stelle e polvere nella Nebulosa della Carena e le stelle appena formate stanno vincendo - producono radiazioni ad alta energia e venti stellari che fanno evaporare e disperdono i vivai stellari polverosi in cui si sono formati.

Con la sua ampiezza di oltre 300 anni luce, la Nebulosa Carina è una delle più grandi regioni di formazione stellare della Via Lattea ed è facilmente visibile a occhio nudo con un cieli buio e sereno. Sfortunatamente per quelli di noi che vivono nel nord, si trova a 60 gradi sotto l'equatore celeste, quindi è visibile solo dall'emisfero australe.

All'interno di questa affascinante nebulosa, Eta Carinae ha la soddisfazione del primo posto tra i sistemi stellari peculiari. Questo colosso stellare - una curiosa forma di stella binaria - è il sistema stellare più energetico in questa regione ed è stato uno degli oggetti più luminosi del cielo intorno al 1830. Da allora si è drammaticamente affievolita e sta vivento le ultime fasi della propria vita, ma rimane uno dei sistemi stellari più massicci e luminosi della Via Lattea.

Eta Carinae appare in questa immagine come parte della macchia di luce brillante appena sopra la punta della forma a "V" creata dalle nubi di polvere. Direttamente a destra di Eta Carinae si trova la nebulosa Keyhole (letteralemente, "buco della serratura"), una nube densa di molecole fredde e gas relativamente piccola all'interno della Nebulosa della Carena, che ospita diverse stelle massicce e il cui aspetto è cambiato drasticamente negli ultimi secoli.

La Nebulosa della Carena è stata scoperta dal Capo di Buona Speranza di Nicolas Louis de Lacaille negli anni intorno al 1750 e da allora è stata ritratta un ingente numero di volte. Ma VISTA - il Telescopio per survey astronomiche nella banda visibile e infrarossa - aggiunge una veduta dettagliata senza precedenti e su una vasta area; la sua vista a infrarossi è perfetta per rivelare gli agglomerati di giovani stelle nascosti nel materiale polveroso che serpeggia attraverso la Nebulosa della Carena. Nel 2014, VISTA è stato utilizzato per individuare quasi cinque milioni di singole sorgenti di luce infrarossa all'interno di questa nebulosa, rivelando la vasta estensione di questo terreno di coltura stellare. VISTA è il più grande telescopio infrarosso del mondo dedicato alle survey e il suo grande specchio, ampio campo di vista e rivelatori estremamente sensibili consentono agli astronomi [1] di rivelare una visione completamente nuova del cielo meridionale.

Note

[1] Il responsabile scientifico della proposta osservativa che ha portato a questa immagine spettacolare è Jim Emerson (Scuola di Fisica e Astronomia, Queen Mary University di Londra, Regno Unito). I suoi collaboratori sono Simon Hodgkin e Mike Irwin (Cambridge Astronomical Survey Unit, Università di Cambridge, Regno Unito). La riduzione dei dati è stata eseguita da Mike Irwin e Jim Lewis (Cambridge Astronomical Survey Unit, Università di Cambridge, Regno Unito).

Ulteriori Informazioni

L'ESO (European Southern Observatory, o Osservatorio Australe Europeo) è la principale organizzazione intergovernativa di Astronomia in Europa e di gran lunga l'osservatorio astronomico più produttivo al mondo. È sostenuto da 15 paesi: Austria, Belgio, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Italia, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Regno Unito, Repubblica Ceca, Spagna, Svezia, e Svizzera, oltre al paese che ospita l'ESO, il Cile e l'Australia come partner strategico. L'ESO svolge un ambizioso programma che si concentra sulla progettazione, costruzione e gestione di potenti strumenti astronomici da terra che consentano agli astronomi di realizzare importanti scoperte scientifiche. L'ESO ha anche un ruolo di punta nel promuovere e organizzare la cooperazione nella ricerca astronomica. L'ESO gestisce tre siti osservativi unici al mondo in Cile: La Silla, Paranal e Chajnantor. Sul Paranal, l'ESO gestisce il Very Large Telescope, osservatorio astronomico d'avanguardia nella banda visibile e due telescopi per survey. VISTA, il più grande telescopio per survey al mondo, lavora nella banda infrarossa mentre il VST (VLT Survey Telescope) è il più grande telescopio progettato appositamente per produrre survey del cielo in luce visibile. L'ESO è il partner principale di APEX e di ALMA, il più grande progetto astronomico esistente, sulla piana di Chajnantor. E sul Cerro Armazones, vicino al Paranal, l'ESO sta costruendo l'Extremely Large Telescope o ELT (significa Telescopio Estremamente Grande), un telescopio da 39 metri che diventerà "il più grande occhio del mondo rivolto al cielo".

La traduzione dall'inglese dei comunicati stampa dell'ESO è un servizio dalla Rete di Divulgazione Scientifica dell'ESO (ESON: ESO Science Outreach Network) composta da ricercatori e divulgatori scientifici da tutti gli Stati Membri dell'ESO e altri paesi. Il nodo italiano della rete ESON è gestito da Anna Wolter.

Links

Contatti

Anna Wolter
INAF - Osservatorio Astronomico di Brera
Milano, ITALY
Tel.: +39-02-72320321
E-mail: anna.wolter@inaf.it

Jim Emerson
School of Physics & Astronomy, Queen Mary University of London
London, UK
E-mail: j.p.emerson@qmul.ac.uk

Calum Turner
Public Information Officer
Garching bei München, Germany
Tel.: +49 89 3200 6670
E-mail: pio@eso.org

Connect with ESO on social media

Questa è una traduzione del Comunicato Stampa dell'ESO eso1828.

Sul Comunicato Stampa

Comunicato Stampa N":eso1828it
Nome:Carina Nebula
Tipo:Milky Way : Nebula
Facility:Visible and Infrared Survey Telescope for Astronomy
Instruments:VIRCAM

Immagini

La Nebulosa della Carena in luce infrarossa
La Nebulosa della Carena in luce infrarossa
A wider view of the Carina Nebula
A wider view of the Carina Nebula
soltanto in inglese
Digitized Sky Survey image of Eta Carinae Nebula
Digitized Sky Survey image of Eta Carinae Nebula
soltanto in inglese
The Carina Nebula in the constellation of Carina
The Carina Nebula in the constellation of Carina
soltanto in inglese

Video

ESOcast 175 Light: Stars and Dust in the Carina Nebula (4K UHD)
ESOcast 175 Light: Stars and Dust in the Carina Nebula (4K UHD)
soltanto in inglese
3D view of the Carina Nebula
3D view of the Carina Nebula
soltanto in inglese
Zoom into the Carina Nebula
Zoom into the Carina Nebula
soltanto in inglese
Pan across the Carina Nebula
Pan across the Carina Nebula
soltanto in inglese

Vedere anche