ann18089-it-ch — Annuncio

Prima luce di NAOMI

Nuovo modulo di ottica adattiva all'avanguardia per l'interferometro del VLT dell'ESO

07 Dicembre 2018

NAOMI, il nuovo modulo di ottica adattiva per interferometria (o New Adaptive Optics Module for Interferometry in inglese) ha visto la prima luce dopo essere stato installato su tutti e quattro i telescopi ausiliari (AT) di 1,8 metri di diametro del VLTI (Very Large Telescope Interferometer) dell'ESO presso l'Osservatorio del Paranal in Cile. Con l'introduzione di una tecnologia di ottica adattiva all'avanguardia, NAOMI ha migliorato le capacità di imaging del VLTI a livelli senza precedenti, offrendo ai potenti strumenti scientifici come GRAVITY una visione dell'Universo più nitida che mai.

Il VLTI è una modalità del VLT (Very Large Telescope) dell'ESO che può combinare anche tutti a quattro AT o i telescopi principali (Unit Telescopes) da 8,2 metri del VLT per creare un telescopio virtuale con un diametro fino a 130 metri, consentendo osservazioni di risoluzione incredibilmente alta. Utilizzando il VLTI, gli astronomi possono studiare le superfici stellari, i nuclei galattici attivi, le giovani stelle e una varietà di altri affascinanti oggetti astronomici.

Per combattere gli effetti della turbolenza atmosferica sulla qualità delle osservazioni eseguite dal VLTI, ESO ha sviluppato il nuovo sistema di ottica adattiva chiamato NAOMI. Il sistema è stato costruito per migliorare la sensibilità e le prestazioni degli AT del VLT, in collaborazione con l'Institut de Planétologie et d’Astrophysique de Grenoble (Centre National de la Recherche Scientifique/Université Grenoble Alpes).

Sviluppare NAOMI è stata un'impresa tecnicamente molto impegnativa. "I moduli appena installati devono concentrare la luce in fibre ottiche larghe solo pochi micron - appena un decimo della larghezza di un capello umano!", ha spiegato Jean-Philippe Berger dell'IPAG. "Abbiamo anche affrontato la formidabile sfida di installare i quattro sistemi di ottica adattiva il più rapidamente possibile per non disturbare le osservazioni VLTI."

In precedenza, gli AT erano equipaggiati con il meno sofisticato sistema STRAP (System for Tip / Tilt Removal with Avalanche Photodiodes), che osservava gli effetti della turbolenza atmosferica e correggeva l'inclinazione dei fronti d'onda ricevuti regolando rapidamente uno specchio di guida. Nonostante le preziose correzioni fornite in buone condizioni atmosferiche, la qualità dell'immagine diminuiva significativamente quando le condizioni atmosferiche non erano perfette.

"Osservare con il VLTI sugli AT era molto dipendente dalle condizioni atmosferiche e dopo ogni tramonto attendevamo con ansia per vedere se sarebbe stata una serata fortunata", ha spiegato Julien Woillez, il VLTI Project Scientist. "NAOMI sta cambiando tutto - ora possiamo osservare in modo efficiente anche in condizioni di seeing meno buone".

Utilizzando un sistema avanzato di ottica adattiva [1], NAOMI migliorerà la precisione delle misurazioni eseguite dal VLTI e otterrà una qualità dell'immagine migliore e più stabile. Le nuove ottiche adattive estremamente nitide del VLTI permetteranno integrazioni efficienti e lunghe anche in condizioni degradate, facendo emergere il meglio degli strumenti VLTI in ogni condizione atmosferica.

"In alcune notti sembra che l'atmosfera sia praticamente sparita! Ora possiamo osservare oggetti molto più deboli", ha concluso Woillez. "Con NAOMI, ora possiamo sfruttare al massimo le potenzialità di strumenti di seconda generazione come PIONIER, GRAVITY e MATISSE."

Note

[1] Un componente chiave del modulo NAOMI è uno specchio deformabile dell'azienda ALPAO: in una prodezza di ingegneria ottica, la forma di questo specchio viene aggiornata 500 volte al secondo, garantendo che la vista del VLTI sia quasi priva di turbolenze atmosferiche.

Links

Riguardo all'annuncio

Identificazione:ann18089

Immagini

NAOMI at first light
NAOMI at first light
soltanto in inglese
Many telescopes make light work
Many telescopes make light work
soltanto in inglese